Coppa Europa femminile sul ghiacciaio dello Stelvio

Per le azzurre finito l'allenamento di slalom, da domani gigante

Alle 7.15 siamo già alla stazione intermedia del ghiacciaio dello Stelvio: prima funivia alle 7.30 e via alla volta del Livrio. Abbiamo seguito l’allenamento del gruppo Coppa Europa femminile che da martedì fino a sabato sta effettuando il secondo raduno sulla neve dopo il primo atto di Les 2 Alpes. Cielo sereno, fa caldo, la neve tiene un paio d’ore: allenamento insomma più che discreto. Con il responsabile Roberto Lorenzi, nello staff tecnico Corrado Momo, Marco Pilatti, Marco Sberze e uno nuovo skiman, Andrea Gabella, provenienza 2000 Maison . Non ci sono Elena Curtoni e Francesca Marsaglia, che adesso si alleneranno praticamente sempre con le velociste di Raimund Plancker, anche se Lorenzi ci tiene a precisare: “Loro hanno il posto fisso tra superG e supercombinata, quindi si alleneranno con il gruppo Coppa del Mondo di velocità. Tuttavia sono ancora giovani, quindi devono crescere sotto il segno della polivalenza, per questo gareggeranno anche in Coppa Europa in gigante e slalom, nonostante il calendario a volte si sovrapporrà”. Presenti sul ghiacciaio dello Stelvio Enrica Cipriani, Lisa Agerer, Marta Benzoni, Michela Azzola, Sofia Goggia, Camilla Borsotti, Sarah Pardeller e Chiara Carratu. “Cipriani, Borsotti, Pardeller sono dell’88, per loro sarà l’anno della verità. Devono andare forte in Coppa Europa, e meritarsi di gareggiare in Coppa del Mondo. Hanno fatto vedere buone cose, chi in velocità, chi nelle discipline tecniche, adesso lavoreremo affinché possano diventare più continue, regolari”, ci dice il responsabile trentino mentre le ragazze si destreggiano nel tracciato di slalom disegnato sulla pista Payer. “Poi c’è un gruppo di più giovani, che viene dalla squadra azzurra junior, con Goggia e Azzola, che già lo scorso hanno hanno dato buoni segnali in Coppa Europa. Poi c’è la Benzoni, quindi un’altra giovane, la Agerer, che è pronta per fare il grande salto forte anche dell’esperienza già acquisita in nazionale. In questo raduno è stata aggregata anche la Carratu. Anche se è una ’90 è quella con meno esperienza, anche perché non ha fatto la C, ma comunque sarà impiegata anche lei nel circuito continente”. Oggi ultimo giorno di slalom, domani due giorni di gigante.

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...