Coppa Europa al lavoro nell'inverno dello Stelvio

Nebbia, neve e gigante sul 'facile' per gli azzurri

Alessandro Serra passeggia nella ‘piazzuola’ del Geister aspettando i suoi ragazzi. “Certo, che dopo un inverno così, anche in primavera continua a fare brutto. Non è il massimo iniziare con questo tempaccio, ma vabbè, prendiamo quello che capita”. Inizia di buon ora l’allenamento del gruppo Coppa Europa maschile sul ghiacciaio dello Stelvio. Ore 7.45 sullo skilift, -3 la temperatura. C’è nebbia, come da una settimana a questa parte. Dall’arrivo dello skilift del Geister non si vede nemmeno la ‘Punta degli Spiriti’. A ragione Serra, il nuovo coach responsabile del team, a dire che non è il massimo iniziare così, ma non c’è tempo da perdere per le compagini azzurre. Nebbia e nevischio, poi inizia a nevicare in maniera consistente, e la neve sembra ‘colla’, dopo aver preso da dieci giorni a questa parte un giorno umidità e l’altro precipitazioni. Intanto gli azzurri si cimentano in un gigante. “Non male”, dice Serra che ritrova il sorriso a vedere i suoi ragazzi in azione, “Quest’estate voglio fare tanto gigante sul pianeggiante, sono i tratti dove perdiamo di più solitamente”. Ci sono Riccardo Tonetti, Siegmar Klotz, Andy Plank, Marco Ferrarini, Giovanni Borsotti e Antonio Fantino. Assenti gli infortunati Florian Eisath e Paolo Pangrazzi, mentre Mattia Casse è impegnato con gli esami di maturità. Non c’è Stefano Gross, perché lunedì andrà con gli slalomisti di Coppa del Mondo a Les 2 Alpes. Quindi dello staff presenti con Serra, anche Ruggiero Muzzarelli e gli skiman Paolo Ferrari e Mirko Pederiva, che però dal 1 luglio sarà con la Svizzera femminile della Coppa Europa. Domani terzo giorno sul ghiacciaio, poi tutti a casa. “Dovrebbe essere brutto, ma non si sa mai, è una lotteria. Oggi doveva essere il giorno più bello, invece nebbia e neve. Tuttavia il primo raduno era più che altro per rimettere gli sci e programmare il futuro”, chiude Serra.

Altre news

Goggia senza limiti: «Volevo la doppietta, ci sono riuscita»

Non bastava vincere. Sofia Goggia vuole la perfezione. Lo aveva promesso ed eccola oggi ancora in trionfo sulla Men's Olymouc - East Summit di Lake Louise. «Si può fare meglio», diceva ieri. Eccola, aveva ragione. Domina ancora in Canada...

Missile Goggia colpisce sempre: doppio trionfo a Lake Louise

Che andare. Diciannove vittorie in Coppa del Mondo (14 in discesa) e oggi doppietta stagionale sulla Men's Olympic /East Summit di Lake Louise (5 vittorie sul pendio canadese). Sofia Goggia fa paura. Non viene fermata dal vento che soffia...

E’ Kilde l’uccello predatore: battuto ancora Odermatt. Marsaglia 16°

Birds of Prey, nome della pista di Coppa del Mondo di Beaver Creek, significa uccelli da preda. Ed è il norvegese Aleksander Aamodt Kilde l'uccello predatore sulle nevi del Colorado., che porta a quindici i successi nella massima serie...

Gardena, semaforo verde per la 55a Coppa del Mondo

La Coppa del mondo di sci sulla Saslong si aprirà, come da tradizione, venerdì 16 dicembre con il superG. Sabato 17 dicembre, invece, si svolgerà la classica discesa, che sarà la 100a gara di Coppa del mondo in Val...