Chiamatemi Didier

Kitz live – «Incredibile ma la vittoria piu’ bella e’ quella del 2011»

Il moderatore della conferenza stampa chiede, con un certo imbarazzo: «Ci sono domande per Romed e Klaus?». Ecco, è in questa frase il ‘mood’ della giornata odierna a Kitz. Due austriaci al secondo e al terzo posto nel tempio dello sci, nella cattedrale della discesa, in Casa Austria, due atleti del Wunderteam giù dal gradino per 24 e 30 dannati centesimi, comunque due su tre, ma annientati da Cuche. I giornalisti hanno domande solo per lui. Didier, con il quinto successo in discesa (1998, 2008, 2010, 2011, 2012), il terzo consecutivo (come Fran Klammer nel ’74, ’75 e ’76) supera proprio il ‘Kaiser’ nelle vittorie totali nella discesa dell’Hahnenkamm, 5 a 4. Ed è lo stesso ‘Kaiser’ a incoronarlo re di Kitz in diretta sulla televisione austriaca. «Allora Didier, come dobbiamo chiamarti, re di Kitz, Kaiser?» chiede una giornalista. «Chiamatemi semplicemente Didier». In una carriera da favola, non hai mai vinto l’oro olimpico, non ti manca? «Ci sono diversi atleti che cambierebbero una medaglia olimpica con una vittoria a Kitz…» risponde sorridendo. La giornata pazzesca del ‘macellaio di Neuchatel’ inizia con il dubbio di non potere correre per l’ultima volta sulla sua pista preferita. «Gli organizzatori hanno fatto dei miracoli, come altre volte, durante la ricognizione la pista era molto bella, nella parte alta era meglio che nelle prove, alla partenza mi sono detto che questa era l’ultima possibilità di scrivere una sentenza, era un po’ diverso da Wengen, perché non avevo ancora deciso di ritirarmi». L’ultima volta, su una pista più corta, però una vittoria 48 ore dopo avere annunciato l’addio… «Sì, è incredibile, non so neanche io come ho fatto, però nel 1998 ero giovane e l’emozione è stata fortissima e nel 2011 ho vinto sulla pista lunga, quel pettorale l’ho dato al mio serviceman Chris, che ringrazio anche oggi perché ha fatto un lavoro pazzesco, preparando tanti sci». Cosa vuol dire sentire suonare ancora l’inno svizzero a Kitz? «Sicuramente un’esperienza particolare, ma credo che anche in futuro avremo delle buone possibilità, c’è un ragazzo che oggi è partito con il 16 (Feuz, ndr) che è molto veloce».

Altre news

Scatta il 3° Race Future Club in collaborazione con Fisi e Fondazione Cortina

Scatta a Cortina d'Ampezzo il Race Future Club atto numero 3. Stiamo parlando dell'iniziativa di Race Ski Magazine riservata ai migliori 14 Allieve/i e 10 Ragazze/i scaturiti dai risultati di Top 50, Alpe Cimbra, Campionati Italiani di categoria e...

A Les 2 Alpes il primo Summer Ski Camp con Lara Colturi

Lara Colturi e il suo primo Summer Ski Camp, una opportunità di allenamento per i giovani sciatori. Il camp è rivolto a ragazze e ragazzi dai tredici ai sedici anni (anno di nascita dal 2008 al 2011), e proposto in...

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...