Cappellini, il fulmine che non t’aspetti

Imprevedibile, inarrestabile, fulminea. Una stagione incredibile quella di Vittoria Cappellini: classe 2002 da Treviso, campionessa italiana di categoria in carica in superG, è stata protagonista di una cavalcata vincente nel circuito istituzionale del Gran Premio Italia. Gara dopo gara è cresciuta, una regolarità ed una solidità che le hanno permesso di essere la junior più veloce del circuito e mettere le mani sulla squadra nazionale. Eccola: «Con il bottino di Sella Nevea mi sono resa conto che potevo davvero far saltare il banco. Proprio all’ultima gara del Gran Premio Italia poi ho vinto la classifica che mi ha dato l’aritmetica dell’ingresso in squadra azzurra C. Non posso dire di averci creduto da inizio stagione, è stata una sorpresa strabiliante. Certo, nel triennio di categoria avevo questo obiettivo. ma raggiungerlo già ora è stato fantastico».

Vittoria in azione

Un amore per la velocità, anche se le discipline tecniche sono servite alla veneta per fare quel salto di qualità. Ancora la neo azzurrina: «E’ stato utile fare gigante e slalom, mi ha aiutato tecnicamente e anche la velocità ha giovato grazie a questo». A guidare il trionfo è stato Mauro Baldo. Il tecnico bellunese, l suo condottiero. «L’anno passato ero con Davide Viel, poi questa stagione nel team con Baldo dove eravamo in quattro ragazze. Lo sci club Drusciè Cortina mi ha dato una grossa mano, l’attenzione verso i Giovani è sicuramente votata all’alto livello. Baldo? Un precisino come me. Mi sono trovata subito bene con Mauro, tanto lavoro e un ambiente sereno. Oltre a Mauro voglio ricordare anche Giacomo Furlan che mi ha seguito e lo fa anche ora con la preparazione atletica. Sono arrivata fresca nel finale di stagione, questo credo proprio grazie ai suoi metodi», ci dice ancora Cappellini. Adesso per Vittoria la nuova avventura in squadra nazionale. Chiude la portacolori del sodazlio presieduto da Flavio Alberti: «Ora si cambia vita. Mi sento che adesso arrivano nuovi stimoli e nuove avventure sono dietro l’angolo. E allora testa sullo sci in maniera completa, l’università per il momento può attendere. Devozione totale allo sci insomma, mio mestiere e mia grande passione. Mi aspettano nuovi allenamenti, nuove compagne e soprattutto…la Coppa Europa».

Cappellini

Altre news

Grazie Razzo, è stato un lungo ed inimitabile viaggio

Oggi è arrivata la notizia ufficiale, da settimane nell'aria: Giuliano Razzoli ha detto basta. L'olimpionico del 2010 (suo due stagioni fa l'ultimo podio della squadra azzurra in slalom in Coppa del Mondo) lascia l'agonismo e noi vi riproponiamo l'editoriale di aprile...

Oreste Peccedi e l’idea della Stelvio di Bormio

Nel ricordo di Oreste Peccedi vi riproponiamo il racconto sulla nascita della Stelvio di Bormio, pubblicato sul numero 166 di Race Ski Magazine. Ci sono persone che quando parlano non finiresti mai di ascoltarle. Non servono tante domande, il loro...

Lo sci piange Oreste Peccedi

Lutto nel mondo dello sci alpino, è scomparso, a 84 anni, Oreste Peccedi ex allenatore della Valanga Azzurra, uno dei più importanti personaggi della storia dello sci alpino italiano. Peccedi, nato a Bormio nel 1939, cominciò a fare l’allenatore di...

Master istruttori, dopo l’orale i 12 accedono al corso: primo modulo teorico a luglio

Erano oltre 100 al gigante divisi in batterie sulle nevi di Livigno e poi l'altra selezione della prova degli archi sempre nella località dell'Alta Valtellina. Adesso l'ultimo atto con l'esame orale e la discussione della tesina a Milano nella...