'Gio': «Sto bene, non era facile attaccare su questi dossi»

Ha salvato la baracca, ha dimostrato di poter abitare i quartieri alti della classifica, ha messo in mostra valide doti tecniche e capacità di adattamento notevoli, e soprattutto, ci ha fatto capire che la ‘Giovane Italia’ può contare su di lui. E’ Giovanni Borsotti, dodicesimo nel gigante di Aare con il secondo tempo di manche. Con Roberto Nani in difficoltà in questa occasione e con Luca De Aliprandini e Alex Zingerle fermi ai box, è stato il ‘talentino di Bardonecchia’ a farsi valere.

ECCO ‘GIO’ – Eccolo a Aare: «Sono soddisfatto della mia prestazione, in particolare per la seconda manche. Nella prima ho sbagliato perchè ho fatto fatica a trovare il giusto ritmo. Del resto il pendio era difficile per i dossi così accentuati. E poi, forse, il viaggio così tirato si è fatto sentire. Nella secondo ho trovato la corretta fluidità. Sto bene, ho dominato due giganti Nor-Am, poi a Beaver in Coppa del Mondo sono uscito subito ma stavo attaccando con convinzione. Ora Badia, una pista che amo»

UN PENSIERO A ‘FINFER’ –  Le ultime considerazioni sul compagno di squadra Luca De Aliprandini. «Peccato per ‘Finfer’, l’infortunio è sempre pesante, in particolare per il recupero. Ma stiamo parlando di un grande e tornerà competitivo. Mi mancherà…è il mio compagno di camera».