Il bilancio della cuneese al termine dell’annata 2014-2015

Dopo la prima stagione piena in Coppa del Mondo, con un Mondiale alle spalle per fare ancora più esperienza, è tempo di bilanci anche per la grande promessa dello sci alpino italiano femminile, Marta Bassino, 19 anni, da Borgo San Dalmazzo, provincia di Cuneo, fra due mesi pronta ad affrontare anche l’esame di Maturità a scuola. 

DATI – Finora ha gareggiato solo nove volte tra ‘le grandiì, otto in gigante piazzandosi, sempre tra le prime 25 con tre uscite e due Top 10 (6a ad Are a sei centesimi dal podio, 10a alle Finali di Meribel) mentre nell’unico superG disputato, a Bansko, ha chiuso 25a con pettorale n.51. Agli Assoluti di Tarvisio 2015 è terminata tra le prime 10 in tutte le specialità, pur non vincendo Titoli italiani: terza in gigante, quarta in Combinata, settima in superG, ottava in discesa, decima in slalom, considerando solo le gare valide appunto per il Tricolore, senza le atlete straniere. 

PAROLA A MARTA – «La Coppa del Mondo? Un mondo completamente a parte – ci dice  -, per pubblico, organizzazione ecc. Tutto molto bello. Posso dire di essere soddisfatta della mia stagione, sì. Le tante uscite? Diciamo che mi sono messa a posto con le ultime due gare. Ho sempre cercato di ripartire dopo ogni gara senza pensare a niente, però se portavo a termine la prima manche, nella seconda il pensiero di uscire sì, mi passava per la testa. Mondiale? Non mi ero meritata il posto, non mi sono qualificata come le mie compagne. Però sono rimasta contenta del fatto che la Federazione abbia dimostrato di contare su di me. Le aspettative alte? Non ci penso nella maniera più assoluta».

RACE SKI MAGAZINE – L’intervista completa la potrete trovare sul numero della rivista cartacea in uscita, nella sezione dedicata ai Campionati italiani.