Bacher-Da Villa, vittoria per due a Valgrisenche. Super Canzio, è quarto assoluto

Valgrisenche non perdona. Mai. Il primo dei due slalom FIS del Gran Premio Italia è stato davvero molto selettivo. Pista ripida, tracciato stretto e terreno barrato, duro, ghiacciato. Il bilancio della gara rende l’idea, con 81 partenti, 32 al traguardo dopo la prima manche e solo 19 all’arrivo di entrambe le prove. Una vera e propria ‘strage’, uscite di pista a non finire. Il successo è stato diviso in due. Con il crono di 1.28.01 si sono infatti aggiudicati la prova il forestale Fabian Bacher e il finanziere Davide Da Villa. I due azzurrini hanno preceduto di 9/100 Cristian Deville, terzo. Quarto posto per uno strepitoso Pietro Canzio. Il veneto continua a stupire e sulle nevi valdostane ha accusato solo 1”01 dalla vetta, primo atleta Giovani fuori squadra e 20 punti FIS in slalom. Alle sue spalle Giacomo De Marchi, quinto a 2”20, con sesto il lombardo Andrea Testa, staccato di 2”27. Domani seconda e ultima giornata in Valle d’Aosta, in programma il secondo slalom.

Altre news

L’avventura di Lara Colturi in Cile raccontata da Daniela Ceccarelli

Lara Colturi è entra nel mondo dei grandi. Si, perchè il circuito Fis è tutto un altro pianeta, è lo sci che conta davvero, è un'altra storia rispetto alla categoria Children. E subito in Sudamerica le prime gare per...

Fisi: Stefano Maldifassi si candida alla presidenza. «Ho in mente una Federazione nuova»

«Pensare e vivere gli sport invernali». Questo lo slogan che chiude un breve video realizzato per annunciare la candidatura in Fisi di Stefano Maldifassi. È ingegnere biomeccanico, cinque volte campione italiano di skeleton e allenatore di quarto livello; Maldifassi...

A La Parva Colturi centra una doppietta in slalom; Tranchina secondo in gara-2

Doppietta in gigante la scorsa settimana, bis ieri e l'altro ieri in slalom. Lara Colturi ha fatto uno-due anche tra i rapid gates di La Parva, dove si sono svolte altre gare Fis. Possiamo dire che in quattro gare...

Marsaglia lotta ancora con entusiasmo: «Conta essere veloci, non l’età»

Matteo Marsaglia non molla, anzi, rilancia. Il romano di San Sicario, trentasette primavere a ottobre, è deciso più che mai per un'altra stagione in Coppa del Mondo. Reduce da un'annata davvero positiva, dove fra le varie prestazioni confortanti ha...