Azzurri all'attacco della Stelvio

Scelto anche l'ultimo componente della pattuglia azzurra: corre Elmar Hofer

"Dov’è andato Inner?". Peter Fill esce dalla finish area dopo la seconda prova cronometrata. Cerca il compagno di squadra che è andato a prendere il pulmino per tornare alla Baita de Mario in località Ciuk. Da quando non c’è più la cabinovia Bormio-Ciuk ci si arrangia così. "Pietro" aspetta Christof Innerhofer che arriva. Salta su anche Werner Heel, l’azzurro che ha staccato il secondo tempo dietro a Walchhofer: "Quando arrivi in cima al muro senti le gambe che bruciano. Ti accorgi che la pista sbatte tanto e non riesci  a fare le cose che vorresti vista la rigidità che ti rattrappisce gli arti inferiori. Tuttavia non cambio i miei obiettivi, domani si attacca e si punta al podio”. Determinato è anche Peter Fill che afferma: “Salgo in albergo per recuperare le energie. Questo giro è davvero massacrante, questa pista è la più faticosa del circuito senza alcun dubbio”. Christof Innerhofer si è addirittura alzato nella parte finale. Dopo la Konta, ossia dove c’è il capottino della partenza dello slalom, ha iniziato a tirarsi su e a Feleit ha fatto come per sedersi e ha messo le mani appoggiate sulle cosce. Inner comunque è carico. Già ieri prima della prova sentenziava: “Mi sento bene, devo riscattare le gare della Val Gardena”. Intanto si è sciolta anche l’ultima riserva: corre Elmar Hofer. Fuori Hagen Patscheider e Siegmar Klotz.

Altre news

Settembre, mese di elezioni nei Comitati regionali. Nuova assemblea in FVG?

Un mese intenso per le elezioni del rinnovo dei consigli regionali della Fisi. Il 3 settembre si apre a Milano (all’Auditorium Testori del Palazzo Regione Lombardia) e a Roma (nel Palazzo delle Federazioni Sportive) con le assemblee elettive di...

Uk Sport taglia i fondi, gli inglesi della neve tremano e Ryding lancia un crowdfunding

Quale futuro per gli sport invernali britannici? Non roseo, come ha comunicato la stessa GB Snowboard (Federazione) ai suoi atleti. Sci alpino, fondo e nordico paralimpico non sarebbero più ritenuti idonei, dalla UK Sport, per ricevere i finanziamenti del...

Nello skiroom azzurro di Landgraaf

Ore e ore dietro agli sci. Lo fanno sempre, a maggior ragione quando sono in raduno negli skidome, dove il filo si mangia in fretta. Lavoro frenetico per gli skiman, che a volte non hanno avuto neppure il tempo...

Il ritorno di Peterlini: «Tanto, ma tanto lavoro dopo due operazioni»

«Sono tornata». Martina Peterlini ha rimesso gli sci ai piedi nei giorni scorsi. Lo ha fatto dopo un lungo stop, durato quasi otto mesi da quel 16 dicembre dello scorso anno, quando nello slalom di Coppa Europa di Valle...