Azzurri a testa bassa a Reiteralm

Kurt Pittschieler chiude dodicesmo

“Troppo poco spavaldi, non abbiamo attaccato. Se su una pista non ripida e con la neve artificiale non osi, non vai da nessuna parte”. Raimund Plancker si rimette gli sci e lascia la pista di Reiteralm. Quattro chiacchere con David Fill al traguardo e una domanda a Schieppati, sorprendente trentesimo con il pettorale centodue: “Schieppa, la pista?”. “Bella, teneva perfettamente anche con il mio numero”. Un’altra mazzata per il riflessivo coach gardenese. E sì, oggi gli azzurri sono andati male. “Si è salvato solo Pittschieler. Poi c’è Massimo Penasa ventesimo, che io comunque continuo a portare perché oggi quantomeno, pur allenandosi da solo, è ancora in primo gruppo”, afferma Plancker. Poi in classifica c’e Aronne Pieruz ventiduesimo.

Tutti i primi tre non fanno parte della squadra nazionale. Un caso? Plancker non cerca scuse, ma spiega che i suoi ragazzi hanno fatto poca velocità e non hanno mai sciato sulla neve artificiale: “Due giorni a Ushuaia, e due a Hintertux. Non per questo cerchiamo giustificazioni, ma a noi manca ancora qualcosa negli allenamenti e nella programmazione della velocità. Guardate poi gli svizzeri? Zermatt è ideale, ma per noi la pista costa troppo”. Due le note positive. Alberto Schieppati chiude trentesimo con il pettorale centodue: “Avevo degli sci velocissimi, due ‘bombe’ sotto i piedi, ma ho anche interpretato bene il tracciato. Da tre mesi non facevo una curva in superG”. Trentunesimo Silvano Varettoni, al rientro dopo due anni. Peccato per Mirko Deflorian, un po’ indietro, al quarantaquattresimo posto.

Ecco Thomas Tuti, lo skiman Head: “Bene Varettoni, che ha un secondo di ruggine addosso, ha risposto bene alla prima. Deflorian? Avrà messo gli sci da superG due giorni, non si inventa nulla in questo sport. Ma è duro a morire, ha ancora forti motivazioni”. Si aspettava una prova soddisfacente da Dominik Paris, ma oggi non è stato mai in gara. Ancora più indietro Siegmar Klotz e Paolo Pangrazzi. Out Elmar Hofer, Mattia Casse e il campione del mondo junior di discesa Andy Plank. Speriamo domani in una vampata di orgoglio dei giovani azzurri.
La vittoria è è andata allo svizzero Patrick Küng davanti all’austriaco Philipp Schörghofer, staccato di 28 centesimi, terzo il britannico Edward Drake.

Altre news

Settembre, mese di elezioni nei Comitati regionali. Nuova assemblea in FVG?

Un mese intenso per le elezioni del rinnovo dei consigli regionali della Fisi. Il 3 settembre si apre a Milano (all’Auditorium Testori del Palazzo Regione Lombardia) e a Roma (nel Palazzo delle Federazioni Sportive) con le assemblee elettive di...

Uk Sport taglia i fondi, gli inglesi della neve tremano e Ryding lancia un crowdfunding

Quale futuro per gli sport invernali britannici? Non roseo, come ha comunicato la stessa GB Snowboard (Federazione) ai suoi atleti. Sci alpino, fondo e nordico paralimpico non sarebbero più ritenuti idonei, dalla UK Sport, per ricevere i finanziamenti del...

Nello skiroom azzurro di Landgraaf

Ore e ore dietro agli sci. Lo fanno sempre, a maggior ragione quando sono in raduno negli skidome, dove il filo si mangia in fretta. Lavoro frenetico per gli skiman, che a volte non hanno avuto neppure il tempo...

Il ritorno di Peterlini: «Tanto, ma tanto lavoro dopo due operazioni»

«Sono tornata». Martina Peterlini ha rimesso gli sci ai piedi nei giorni scorsi. Lo ha fatto dopo un lungo stop, durato quasi otto mesi da quel 16 dicembre dello scorso anno, quando nello slalom di Coppa Europa di Valle...