Azzurri a testa bassa a Reiteralm

Kurt Pittschieler chiude dodicesmo

“Troppo poco spavaldi, non abbiamo attaccato. Se su una pista non ripida e con la neve artificiale non osi, non vai da nessuna parte”. Raimund Plancker si rimette gli sci e lascia la pista di Reiteralm. Quattro chiacchere con David Fill al traguardo e una domanda a Schieppati, sorprendente trentesimo con il pettorale centodue: “Schieppa, la pista?”. “Bella, teneva perfettamente anche con il mio numero”. Un’altra mazzata per il riflessivo coach gardenese. E sì, oggi gli azzurri sono andati male. “Si è salvato solo Pittschieler. Poi c’è Massimo Penasa ventesimo, che io comunque continuo a portare perché oggi quantomeno, pur allenandosi da solo, è ancora in primo gruppo”, afferma Plancker. Poi in classifica c’e Aronne Pieruz ventiduesimo.

Tutti i primi tre non fanno parte della squadra nazionale. Un caso? Plancker non cerca scuse, ma spiega che i suoi ragazzi hanno fatto poca velocità e non hanno mai sciato sulla neve artificiale: “Due giorni a Ushuaia, e due a Hintertux. Non per questo cerchiamo giustificazioni, ma a noi manca ancora qualcosa negli allenamenti e nella programmazione della velocità. Guardate poi gli svizzeri? Zermatt è ideale, ma per noi la pista costa troppo”. Due le note positive. Alberto Schieppati chiude trentesimo con il pettorale centodue: “Avevo degli sci velocissimi, due ‘bombe’ sotto i piedi, ma ho anche interpretato bene il tracciato. Da tre mesi non facevo una curva in superG”. Trentunesimo Silvano Varettoni, al rientro dopo due anni. Peccato per Mirko Deflorian, un po’ indietro, al quarantaquattresimo posto.

Ecco Thomas Tuti, lo skiman Head: “Bene Varettoni, che ha un secondo di ruggine addosso, ha risposto bene alla prima. Deflorian? Avrà messo gli sci da superG due giorni, non si inventa nulla in questo sport. Ma è duro a morire, ha ancora forti motivazioni”. Si aspettava una prova soddisfacente da Dominik Paris, ma oggi non è stato mai in gara. Ancora più indietro Siegmar Klotz e Paolo Pangrazzi. Out Elmar Hofer, Mattia Casse e il campione del mondo junior di discesa Andy Plank. Speriamo domani in una vampata di orgoglio dei giovani azzurri.
La vittoria è è andata allo svizzero Patrick Küng davanti all’austriaco Philipp Schörghofer, staccato di 28 centesimi, terzo il britannico Edward Drake.

Altre news

Arriva Race ski magazine 169 di dicembre

È arrivata la neve, le località aprono e l’inverno entra nel vivo. Ormai ci sarà una gara dietro l’altra fino al termine della stagione, dalla Coppa del Mondo alla Coppa Europa, passando per moltissimi eventi giovanili e i Campionati...

Il Collegio di Garanzia del Coni legittima definitivamente Roda presidente Fisi

Il Collegio di Garanzia del Coni si è nuovamente espresso in materia di eleggibilità del presidente della Federazione Italiana Sport Invernali Flavio Roda. In precedenza c’erano stati passaggi degli organi giudiziari Fisi e successivamente da parte proprio del Collegio...

Agazzi: «Goggia scia più sui piedi e così è maggiormente scorrevole»

Che esordio per Luca Agazzi. Pronti via una doppietta straordinaria con la sua Sofia Goggia E si, perchè da quest'anno il trio delle meraviglie (Goggia - Brignone - Bassino) può avvalersi di un tecnico di fiducia personale con la coordinazione...

Zenere: «Sono stati anni duri, ora avanti su questa strada»

Dopo la vittoria del gigante di Coppa Europa di Zinal, Asja Zenere finalmente esulta e ci dice: «Sono davvero felice. Mi sono passate tante cose in menta dopo che ho capito di aver vinto la gara. Del resto sono...