Svindal sugli sci. Ma resta il mistero attorno al suo infortunio. Come per Fenninger?

Il campione norvegese è tornato sugli sci al Passo dello Stelvio. Ma l'infortunio subito durante l'ultima discesa di Kitzbuehel è in realtà più grave del previsto. Esattamente come per l'austriaca?

0
Svindal si era rialzato rassicurando tutti
Svindal si era rialzato rassicurando tutti ©Agence Zoom

Aksel Lund Svindal e Anna Fenninger. No tranquilli, non si sono fidanzati. Ma resta un’ombra scura attorno ai loro infortuni. Dell’austriaca parleremo a breve. Sul norvegese, appena tornato a sciare, hanno parlato i media di casa, sempre molto attenti e precisi.

SCI – Intanto la notizia: Aksel è tornato sugli sci, qualche giorno fa, al Passo dello Stelvio, sette mesi dopo l’infortunio patito a Kitzbuehel lo scorso 23 gennaio durante la discesa libera vinta poi da Peter Fill. «Cari “amici” – ha scritto su Facebook postando una foto dei suoi sci  e parlando idealmente con loro – è passato tanto tempo. Sette mesi. Non siamo mai stati separati così a lungo. So che siete abituati a un certo tipo di rock’n’roll, ma per il momento cominciamo con un… lento». Anche spiritoso, come sempre. Svindal si era procurato la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro e anche del menisco. Ora si riparte persino in anticipo rispetto al previsto.

GIALLO – Ma, come per Anna Fenninger, resta qualche nodo da sciogliere: il magazine norvegese NRK, sempre bravo a “scavare” sotto la superficie, ha pubblicato un articolo in cui si fa notare che l’infortunio al ginocchio subito da Svindal sarebbe in realtà ben più grave di quanto comunicato, soprattutto a causa dei problemi legati al menisco e in modo particolare alla delicatissima cartilagine (la nostra Michela Azzola ne sa qualcosa…). Questo il motivo per cui l’atleta norvegese, che non ha mai fatto cenno delle problematiche nelle varie interviste trincerandosi dietro un “non mi è mai stata rivolta una domanda specifica”, ha portato le stampelle più a lungo del previsto. Nell’articolo si arriva addirittura a mettere in dubbio il prosieguo della carriera per Aksel, che però è un combattente nato e difatti già ritornato in pista. Questa volta però potrebbe non essere così semplice ripresentarsi al cancelletto di partenza già da vincente come fece subito lo scorso anno.

Articolo precedenteCiao Pippo…
Articolo successivoUfficializzati gli orari di tutte le gare in Coppa del Mondo
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine