Schnarf, in Italia per un nuovo impianto ortodontico. Aspen: Brignone e Goggia, niente slalom. Via alle 17

Alla sfortunata atleta di Valdaora, caduta in superG, è stato inserito un dente provvisorio in Colorado. Niente prova tra i rapid gates per la valdostana, premiata intanto per il secondo posto nella classifica di combinata alpina (vinta da Stuhec), e per la bergamasca. Domenica proveranno a vincere il gigante conclusivo della stagione con l'aiuto di Bassino, Moelgg, Marsaglia, Irene Curtoni e Pirovano. Seconda manche dello slalom alle 19.30

0
Federica Brignone, Ilka Stuhec e Wendy Holdener sul podio finale della graduatoria di combinata alpina 2016-2017 (@Pentaphoto)

Una stagione molto positiva in discesa, con il sesto posto nella classifica di specialità e sette risultati nelle prime dieci in otto gare, si è chiusa purtroppo con una caduta in superG ad Aspen e un infortunio per la simpatica Hanna Schnarf, cui è stato inserito, in Colorado, un dente provvisorio in bocca, in attesa di nuovo impianto ortodontico da installare in Italia, secondo il metodo più moderno per sostituire i denti mancanti; uno nel caso della sfortunata atleta di Valdaora. In bocca al lupo.

Johanna Schnarf a St. Moritz (@Zoom agence)
Johanna Schnarf a St. Moritz (@Zoom agence)

ASPEN – Intanto è tempo di ultimo slalom femminile ad Aspen, il nono della stagione di Coppa del Mondo 2016-2017 (36esima e penultima gara in assoluto), dopo Levi, Killington, Sestriere, Semmering, Zagabria, Maribor, Flachau e Squaw Valley, con la ‘coppetta’ già saldamente nelle mani di Mikaela Shiffrin (vincitrice sei volte), l’americana che sabato 18 marzo si prenderà matematicamente anche la sua prima Coppa del Mondo generale. Per l’Italia femminile, sull’ultimo tratto della Lower Ruthie’s Run, saranno in gara Chiara Costazza e Irene Curtoni. «Al 99% – come ci conferma il dt Guadagnini – non parteciperà Federica Brignone (e nemmeno, senza il minimo dubbio, Sofia Goggia, NdR) -. Le energie sono ridotte al lumicino, l’obiettivo per Federica e per le compagne è cercare di chiudere con il botto domenica, in gigante, per cui è preferibile riposare ancora». La valdostana è salita intanto sul podio ad Aspen, premiata come seconda classificata nella classifica di combinata alpina, vinta da Ilka Stuhec, davanti appunto a Brignone e Holdener. Shiffrin sarà la naturale favorita sulla pista dove ha già vinto due volte in slalom, impresa riuscita anche a Sarka Strachova in passato, recente seconda a Squaw Valley. Con la ceca proveranno a battere il fenomeno americano, oro iridato in carica e ‘sconfitta’ in stagione solo a Zagabria e Flachau, Hansdotter, Holdener, Vlhova, Zuzulova, Loeseth e la rinata Bernadette Schild. Chiara Costazza cercherà conferme nella top 5, così come Irene Curtoni tra le migliori dieci. Il podio in slalom manca all’Italia femminile da oltre sei anni, dal terzo posto di Manuela Moelgg a Zagabria il 4 gennaio 2011.

Mikaela Shiffrin in trionfo a Squaw Valley anche in slalom (@Zoom agence)
Mikaela Shiffrin in slalom (@Zoom agence)