Pirovano terza in discesa davanti a Melesi e Delago. Laura: «Inizio difficile, ora ci sono». Domani superG

La trentina centra il suo terzo podio nel circuito continentale, primo in discesa, e conferma il crescendo di forma. Miglior risultato in assoluto per Melesi, quarta, Delago, quinta, e Pizzato, dodicesima. Domani superG, sempre a Saalbach. Le parole di Laura dall'Austria

0
Da sinistra: Nadia Delago, quinta; Laura Pirovano, terza; Roberta Melesi, quarta. In festa a Saalbach (@Salvadori)

Laura… c’è! Trovato il ritmo giusto, non si ferma più l’Italia di Devid Salvadori che ora andrà a caccia della prima vittoria stagionale nel Circuito Continentale. Intanto, archiviamo un altro podio. Azzurre sempre protagoniste, anche con nomi diversi tra le prime tre, segno di grande compattezza nella squadra pur in uno sport assolutamente individuale: dopo il secondo posto di Federica Sosio ecco il terzo, sempre in discesa, di Laura Pirovano (primo podio nella specialità, terzo in assoluto, gli altri ottenuti in gigante), nella prova sprint vinta ancora una volta da Christina Ager, come ieri, davanti alla svizzera Grossmann. Sei italiane nelle prime dodici, condizione che cresce e c’è ancora una gara importante da disputare a Saalbach, il superG di giovedì, il secondo stagionale, per migliorare ulteriormente.

Tempo di premiazioni a Saalbach: sul terzo gradino del podio della seconda discesa Laura Pirovano. A sinistra si notano Nicol Delago, quinta, e Roberta Melesi, quarta
Tempo di premiazioni a Saalbach: sul terzo gradino del podio della seconda discesa Laura Pirovano. A sinistra si notano Nicol Delago, quinta, e Roberta Melesi, quarta

RISULTATI

CLASSIFICHE

GARA – Saalbach è decisamente la casa di Ager, che si è imposta tre volte in meno di un anno sula stessa pista (quella odierna è la sua quarta vittoria in assoluto in Coppa Europa). Pista accorciata (sono caduti altri 20 cm di neve), gara in una singola manche rispetto alle due inizialmente previste per oggi, ma non semplice, con un tracciato comunque ricco di curve e che termina sul pendio di Coppa del Mondo. L’austriaca si impone in 56”29 su un tracciato lungo 1532 metri, con 22 porte. Seconda è Katja Grossmann, svizzera classe ’97, al primo podio nel circuito, staccata di 18 centesimi. E terza ecco la trentina di Spiazzo in Val Rendena, Laura Pirovano, classe ’97, un talento enorme forse bloccato un po’ quest’anno dalla caduta subìta in Senales a due giorni da Soelden, quando stava andando molto forte in allenamento. Poco male, capita. Progressivamente la trentina sta ritrovando la forma e ancora una volta dimostra di saperci fare anche in velocità, accusando alla fine 71 centesimi da Ager. Dietro di lei ecco tanta Italia: Roberta Melesi, tornata in Nazionale grazie al Grand Prix lo scorso anno, centra il miglior risultato in Coppa Europa in assoluto (dopo il sesto posto in gigante a Monte Pora 2014) ed è quarta, a soli 73 centesimi. Quinta Nadia Delago, sorellina di Nicol, anche lei al “best” nel circuito, staccata di 0”82. Distacchi quasi sempre minimi, normale in una discesa sprint. Undicesima Lisa Magdalena Agerer, a 1”03, davanti a Sofia Pizzato, 18 anni, dodicesima a 1”05, che si migliora rispetto a gara 1 (13esima) e centra pure lei il risultato più alto in Coppa Europa finora, alle prime esperienze in velocità. Diciassettesima Federica Sosio, seconda ieri, 30esima Jole Galli, fuori dalle trenta Nobis, Zenere e Timon, uscite Runggaldier e Cillara Rossi. Anticipato a domani il superG, secondo stagionale nel circuito, previsto inizialmente venerdì, sempre a Saalbach.

Federica Sosio, in giacca verde, seconda nella discesa sprint di Saalbach. All'estrema sinistra si riconosce anche Laura Pirovano
Federica Sosio, in giacca verde sul podio, seconda nella prima discesa sprint di Saalbach. All’estrema sinistra si riconosce anche Laura Pirovano (@Salvadori).

PAROLA DI LAURA – «La gara di oggi – ci dice la trentina dall’Austria – è stata esattamente come le tre prove cronometrate e la prima discesa, quindi molto corta, senza margine d’errore. Sono riuscita a mettere a posto due linee e ho sciato come mi è venuto. Quindi è andata bene. L’inizio di stagione è stato un po’ difficile, sì, però pazienza. Sono contenta del risultato in discesa anche perché ho rimesso gli sci lunghi da poco dopo tanto tempo e mi piace tantissimo. Senales? Ormai la caduta è superata. Mentre scio è come se non fosse mai accaduto, questo è l’unico aspetto che conta».

Laura Pirovano (@FISI/Pentaphoto)
Laura Pirovano (@FISI/Pentaphoto)