Lenzerheide, Gut cerca i punti per la gloria. L’Italia il decimo podio

Presentazione superG, l'ultimo prima di Skt. Moritz. Nove italiane al via, si parte alle 10. In ballo la Coppa del Mondo generale, ma anche di specialità e gli ultimi posti per le Finali. Tracciatura disegnata da Alberto Ghezze

0
Lara Gut in conferenza stampa a Lenzerheide @Pag. FB ufficiale Lenzerheide

La Coppa del Mondo femminile 2015-2016 è giunta all’ultimo atto prima delle conclusive Finali di Skt. Moritz, che scatteranno a partire da mercoledì prossimo. Domenica 20 si concluderà una lunga stagione, senza i cosiddetti ‘Grandi Eventi’, particolare per il numero elevato di infortuni e la mancanza di neve che ha colpito molte ‘tappe’. In ogni caso l’annata verrà portata a termine con 40 gare sulle 41 previste (è saltata solo una combinata alpina) e con le premesse appena descritte c’è di che essere contenti. Si resta in Svizzera nel weekend, con le gare di superG e combinata alpina (con superG, l’ultima della stagione) a Lenzerheide. L’annata 2016-2017 ripartirà poi il prossimo 30 ottobre da Soelden, con Finali ad Aspen e in mezzo i Mondiali.

GARA – Il superG, settimo degli otto previsti, scatterà domani alle ore 10, con nove italiane al via: Federica Brignone, Nadia Fanchini, Johanna Schnarf, Elena Curtoni che ha recuperato dal problema a un’anca pur non essendo ancora al 100%, Francesca Marsaglia, Daniela Merighetti, la rientrante Verena Stuffer, Elena Fanchini e Sofia  Goggia. A Soldeu è stato spezzato il tabù-podio che mancava da quasi quattro anni per l’Italia nella disciplina addirittura con una vittoria, ottenuta da Brignone, e il miglior risultato di sempre in una gara di Coppa femminile (cinque atlete italiane tra le prime dieci, mai successo). Ora bisogna confermarsi in una specialità in cui comunque le azzurre, che hanno già stabilito il nuovo record per quanto riguarda i piazzamenti tra le top 10 in una singola stagione (59), in grado di fare bene sono davvero tante. Potrebbe essere l’ultimo superG nel circuito per Daniela Merighetti, la penultima gara in assoluto, ma ci piace pensare che in realtà, come a La Thuile, ‘Dada‘ possa sfoggiare una super prestazione garantendosi così il pass per le Finali anche in questa disciplina. Non è impossibile… Altre sette azzurre sono al momento qualificate, ma qualcuna non può distrarsi troppo. In stagione l’Italia ha ottenuto nove podi in tre discipline diverse finora, con Brignone (6), Nadia Fanchini (2) e Merighetti (1). Sarebbe bello raggiungere cifra tonda, o no?

COPPA – Lara Gut, in conferenza stampa come le altre compagne di squadra svizzere ieri, avrà sicuramente mille pensieri che le passeranno per la testa, dato che al termine di questo weekend potrebbe garantirsi la matematica conquista della sua prima Coppa del Mondo generale, sfera di cristallo che al femminile la Svizzera non vince da oltre 20 anni (Vreni Schneider, stagione 1994-’95). Il vantaggio su Rebensburg è rassicurante, la tedesca non disputa lo slalom (come Lara, del resto) e non è detto si presenterà domenica tra i rapid gates in combinata alpina dopo il superG. Insomma, è quasi fatta, ma ovviamente bisogna aspettare la… luce verde della matematica. La stessa Gut, con Rebensburg, Huetter, Weirather, la pattuglia di italiane, Fabienne Suter e qualche outsider (Ross? Tippler?) si giocherà la vittoria nel superG di casa. Lara si è già imposta a Garmisch-Partenkirchen, Weirather a La Thuile, Brignone a Soldeu, per il resto ha sempre vinto Vonn tra Lake Louise, Zauchensee e Cortina. Vonn ovviamente assente in Svizzera. C’è in ballo anche la Coppa di specialità, in superG: a due gare dal termine, Lindsey, già prima in quella di discesa, guida con 420 punti, Gut è seconda staccata di 64 lunghezze. Possono ancora farcela, teoricamente, anche Weirather, Huetter, Rebensburg e persino Brignone, con due vittorie su due e molti… errori da parte delle avversarie.

PISTA – Si corre sulla ‘Silvano Beltrametti‘, senza però il bellissimo e ripido muro centrale, innevato troppo tardi…. Dopo il tratto iniziale, si girerà, guardando la pista, verso sinistra, in un canale senza grande pendenza, ma con curve e dossi. In fondo le ragazze rientreranno sul solito tracciato. Neve compatta, le previsioni danno sole velato da nuvole. Disegno tracciato dal tecnico delle azzurre, Alberto Ghezze. Regolare, tra i 45m e 50m, senza grossi trabocchetti.

PETTORALI, ORARI E TV – Aprirà le danze Margot Bailet. Federica Brignone entra tra le migliori sette della start list dopo il superG di Soldeu, vi esce Nadia Fanchini. Numero 19 per Rebensburg, 21 per Gut. Via alle 10, diretta su RaiSport1 ed Eurosport1. A Lenzerheide una sola italiana è salita sul podio: Isolde Kostner, vincente nel superG del 2001.

START LIST COMPLETA

TUTTI I PODI STAGIONALI IN SUPERG

LA VITTORIA DI LARA GUT NEL 2014 IN SUPERG