Bortoluzzi – Carraro, contrasto in Consulta

8
456

La lettera di Morzenti contro Frattini la causa

Si è svolta ieri a Milano una ‘calda’ Consulta, l’organo che vede al tavolo il Commissario straordinario Franco Carraro, i vice Commissari Vincenzo Parrinello e Cristina Rossello, e i presidenti dei Comitati regionali. Durante la riunione, il presidente della Fisi veneta Roberto Bortoluzzi e Franco Carraro si sarebbero…’beccati’. Nel magazine del Comitato Veneto è stata pubblicata la lettera in cui Giovanni Morzenti attacca con veemenza Franco Frattini, reo di avere influenzato indirettamente l’Alta Corte di Giustizia del Coni che poi ha annullato l’assemblea dell’aprile 2011 e portato al commissariamento. Questa scelta editoriale sarebbe stata considerata ‘partigiana’ da parte di Carraro mentre Bortoluzzi  avrebbe accusato Carraro di non essere persona neutrale. Il condizionale è d’obbligo non essendo la riunione aperta al pubblico. Carraro ha inoltre comunicato che entro novembre ci sarà la data ufficiale delle elezioni federali, ma ha anche lasciato intendere che dovrebbero svolgersi a marzo. Nonostante gli appelli all’unità di Carraro, sembra proprio che si andrà verso uno scontro frontale fra ‘morzentiani’, che si sentono sempre più defraudati dopo la decisione dell’Alta Corte, contro il ‘resto del mondo’. Prima dell’assemblea federale però c’è da cambiare lo statuto. Sarà nominato un Commissario ad hoc, ma è ancora presto per dimezzare il numero dei Consiglieri come indicato dal Coni. Le modifiche Coni infatti entreranno in  vigore dal 2013, quindi per la Fisi ancora venti consiglieri da eleggere.

Articolo precedenteVideo: intervista a Gilles Brenier, coach dei francesi
Articolo successivoSoelden si fara'
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

8 COMMENTI

  1. Premesso che tutti, dico tutti hanno il diritto di esprimere le loro opinioni, pero è un peccato che si "getti via l'acqua sporca con il bambino", senza prima fare mente locale sui fatti. Sapete benissimo che la FISI è sempre stata di tutti quelli che per far svolgere l'attività si è sempre alzata all'alba e magari alla fine hanno anche firmato fior di assegni…..non come pseudo tecnici fenomeni che hanno avuto la fortuna di avere alle loro dipendenze Campioni e da questi ne hanno tratto grandi benefici…vedi Rocca etc.. Noto che c'è un acredine forse un odio verso il l'ex Presidente e il suo Consiglio che hanno avuto il torto di vincere un'elezione malgrado la feroce concorrenza che portava sui vessilli Ghilardi ma aveva alle proprie spalle fior di politici piu o meno interessati, sicuramente Morzenti non ha brillato per astuzia o simpatia pero ha avuto il merito di riportare a norma il bilancio che Coppi aveva squassato, mi dite che le elezioni sono state giudicate non in regola, vorrei vedere tutte le elezioni delle altre Federazioni, se si sono svolte in modo irreprensibile… e che succederà non appena al termine del quadriennio olimpico ci saranno i vari rinnovi di Consiglio e lo sconfitto di turno chiederà che si pronunci l'alta corte ( scritta minuscolo per sottolineare l'alto grado di credibilità )sul corretto esito della votazione, in quel caso il nostro Presidente del CONI dovrà procurarsi chissà quanti altri Carraro…magari mandandoci Moggi

  2. Parlo per aver fatto sciare i miei figli nei circuiti veneti prima,trentino poi.
    C'è un'abisso tra i due,organizzativo,di obbiettivi,di qualità,beninteso:non di qualità degli atleti,ma degli organizzatori!!!
    E poi un'altra riflessione:chi ha portato in squadra A-B-C il comitato Veneto negli ultimi 10 anni?NESSUNO!!!!!
    Ergo:a casa tutti,a partire da Bortoluzzi che spero sparisca dal circuito veneto per i danni che ha fatto sinora,assieme alla cricca del comitato veneto che reputo oramai vecchia e priva di ogni velleità agonistica.
    In Veneto bisogna azzerare tutto e ripartire con gente nuova.

  3. io credo che invece di continuare ad attaccare Bortoluzzi, che potrà avere i suoi difetti, ma come tutti avrà anche dei pregi, bisognerebbe proporre delle alternative. Non si è d'accordo su cosa fanno e propongono questi signori? Proponiamo idee e soluzioni, invece di offendere sotto pseudonimo. Io personalmente mi sono sempre schierato contro la gestione Morzenti, ma non credo che offendere e invitare gli altri a vergognarsi sia produttivo in qualche modo. Franco Rossi – Torino

  4. Hai perfettamente ragione Speranza. Presidenti come Bortoluzzi devono solo vergognarsi di essere presidente di un comitato eccellente! Spero che i suoi dirigenti, collaboratori ed atleti del suo comitato non siano come lui!!!

  5. Purtroppo di uomini di buona volontà ce ne sono disposti a candidarsi e anche ex atleti , ma devono essere ELETTI…..e la base ho paura , fino a che vige questo statuto , non ha potere…..Questo spiega l'ennesima ARROGANZA di Bortoluzzi uomo sfruttatore di cene, audi e viaggi gratis , perchè violentatore di voti……E così tornerà il " CONDANNATO " e tutto quel poco che é rimasto vivo morirà…..Amen

  6. La fisi,e i comitati hanno bisogno di gente nuova,di ex atleti,che hanno vissuto sul campo,e sanno perfettamente come lavorare! Basta con questi vecchi che scaldano la sedia,e che la loro più grossa preouccupazione é portare le loro consorti alle manifestazioni!!!!! Spero che gli sci club,che alla fine sono quelli che contano,non si facciano condizionare da vecchi e viziosi discorsi che ad oggi non hanno portato a niente!!!!!!

  7. E' ormai chiaro a tutti che occorre rimboccarsi le maniche quanto prima per formare la squadra che condurrà la FISI per i prossimi anni ed è altrettanto ovvio che non può essere lasciata nelle mani di improvvisatori perchè sarebbe un danno enorme per il ns sport. i Comitati hanno una veste troppo politicizzata che prende il sopravvento sugli aspetti territoriali piuttosto che sull'importanza della base, occorre quindi che siano i club a condurre la partita e tirare fuori gli uomini di vero sport che servono a ridare vita e linfa al movimento.

  8. Urge che gli uomini di buona volontà si comincino ad organizzare per la prossima battaglia elettorale. Perché questa a quanto pare sarà uno sconto all'arma bianca. Spero che nel frattempo la Corte d'Appello di Torino chiarisca in tempi rapidissimi la posizione processuale del condannato in primo grado per concussione!