Vlhova davanti a Sestriere, ma Bassino è pronta all’attacco. Brignone 7a, Zenere splendida 12a

Questa mattina dopo la ricognizione c’era qualche perplessità sulla pista; grumi di neve in alcuni tratti, altri molto duri e compatti, altri ancora non così confortanti. E invece il lavoro portato a termine dallo staff ha permesso di avere una Kandahar davvero in ottime condizioni. E la sfida è stata spettacolare, nonché tirata. I giochi sono apertissimi dopo la prima frazione. Una Petra Vlhova che non era data in forma strepitosa è li davanti a tutte, ma non può certo dormire sonni tranquilli visto che l’azzurra Marta Bassino, che tanto tiene al gigante di casa e che è partita con il numero 1, non si è certo risparmiata davanti a migliaia di tifosi ed è in seconda posizione a soli 7/100. Bene nel terzo settore e nell’ultimissimo, dov’è stata la più veloce. Dietro il distacco aumenta leggermente, ma non di molto, perché Tessa Worley è terza a 40/100 e Mikaela Shiffrin quarta a 44/100. Quinta posizione provvisoria per Ragnhild Mowinckel, a 47/100. 

Marta Bassino ©Agence Zoom

Federica Brignone scia a tratti, bene fino a metà, poi si perde un po’ e tira fuori il suo problema attuale: la mancanza di fiducia. È comunque settima a 96/100, il podio non è vicinissimo, ma neppure lontanissimo. In fondo è una campionessa e sappiamo benissimo quale tipo di manche è capace di regalare. Lara Gut-Behrami, rimasta nella tenda riscaldata e defilata fino all’ultimo, detentrice del pettorale rosso, è ottava. 

Strepitosa Asja Zenere, che dimostra di essersi lasciata alle spalle il periodo più difficile e sfrutta appieno la chiamata in Coppa del Mondo, dopo la vittoria in Coppa Europa. Con il 43 si inserisce al dodicesimo posto, a 1”85 dalla vetta. Brava, sciata convincente, splendida prestazione. Entra nella top 30 anche Roberta Melesi, anche lei un pettorale alto, il 40; al traguardo è 24a. Appena fuori dalla qualifica Lara Colturi, 33a, poi in casa Italia 38a Elisa Platino, 39a Sofia Goggia che sta facendo pochissimo gigante, 40a Elena Curtoni. 

Altre news

Coppa Europa: a Wahlqvist il secondo gigante; 11° Talacci e 12° Franzoni

Undicesimo posto per Simon Talacci e dodicesimo per Giovanni Franzoni nel secondo gigante di Coppa Europa di Pass Thurn. La vittoria è andata al norvegese Jesper Wahlqvist che ha concluso in 1’51″72 e preceduto di 5/100 il tedesco Jonas...

La Coppa Europa femminile arriva a Sarentino, finora fortino dell’Austria

La Coppa Europa questa settimana farà ritorno in Val Sarentino. Giovedì 29 febbraio e venerdì 1° marzo sulla pista Schöneben si svolgeranno due superG femminili. Dalla prima Coppa Europa in Val Sarentino, risalente alla stagione 2004/05, si sono tenuti...

Coppa Europa: Talacci è nono nel gigante di Pass Thurn vinto da Zwischenbrugger

Pass Thurn, località austriaca, è sede di recupero di due giganti maschili di Coppa Europa, in origine previsti in Slovenia, a Maribor. Nella gara odierna nona posizione per Simon Talacci. Il livignasco ha saputo risalire di una posizione nella...

Mowinckel saluta l’agonismo al termine della stagione

Sono le ultime gare della carriera per Ragnhild Mowinckel, che questa mattina ha annunciato l'ormai prossimo ritiro. Finirà la stagione, poi la trentunenne norvegese saluterà il mondo delle gare. Ha trascorso 14 anni nella squadra norvegese, 12 nel circuito...