Vince la Lindell-Vikarby, Shiffrin gigante

Ottima seconda manche di Federica Brignone che chiude settima

Il fine settimana di Beaver Creek, dopo avere incoronato Lara Gut, oggi fuori subito nella prima manche, ha sorriso alla svedese Jessica Lindell-Vikarby, al secondo successo in Coppa del Mondo. La svedese, già davanti nella prima manche, ha preceduto di 9 centesimi una straordinaria Mikaela Shiffrin, al primo podio in gigante. Al terzo posto un’altra grande protagonista a Beaver Creek, Tina Weirather (+ 0.56) del Liechtenstein che, dopo il quinto posto di Soelden, sale sul podio per la prima volta in gigante. Ottima seconda manche di Federica Brignone, dopo una prima manche un po’ nervosa. L’azzurra è arrivata settima (+ 1.26, quindicesima nella prima). Al quarto posto Maria Pietilae-Holmner (+ 0.85) e al quinto  Maria Hoefl-Riesch (+ 1.12). Davanti alla Brignone anche la francese Anemone Marmottan. Nella top ten Ragnhild Mowinckel (ottava), Marie-Pier Prefontaine e Tessa Worley (none).

AZZURRE – Quattordicesima Denise Karbon (+ 1.96), ventiduesima Francesca Marsaglia, classificatasi con il pettorale 52 (+ 3.41), fuori Nadia Fanchini.

LE ALTRE – Fuori Viktoria Rebensburg e Anna Fenninger, undicesima una Tina Maze che non ha saputo approfittare dell’uscita di Lara Gut. 

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...