Vince Kostelic, risorgono gli azzurri dello slalom

Quarto Rocca, quinto Moelgg, sesto Thaler nello slalom della Gran Risa

"Criticano tutti questa pista, ma alla fine i migliori sono tutti davanti. Qualcosa vorrà ben dire!". Max Carca, tecnico degli slalomisti azzurri, è radioso nel parterre. "È stato un mese lungo per noi, la batosta di Levi non ci voleva. Questa è la dimostrazione che ci siamo e che diremo la nostra fino in fondo". Sulla Gran Risa, nel recupero dello slalom annullato a Val d’Isere, ha vinto Ivica Kostelic, che dopo una prima manche magistrale è riuscito a tenere alle spalle lo scatenato JB Grange (miglior tempo nella seconda) e un perfetto Benjamin Raich. Era dal 2003 a Madonna di Campiglio che il fratellino di Janica non vinceva nella sua specialità preferita e la grande performance nel gigante di ieri faceva presagire grandi cose per la gara odierna. Ma l’attenzione del pubblico, numeroso nonostante la giornata feriale, è stato tutto per gli slalomisti azzurri: sesto Patrick Thaler, quinto Manfred Moelgg, quarto Giorgio Rocca. Ad un certo punto erano tutti e tre nel leader-corner e quando la tv li ha inquadrati, si è alzata l’ovazione del pubblico. Il divario con il podio è piuttosto ampio (63 centesimi tra Rocca e Raich), ma l’impressione è che gli azzurri siano davero in crescendo di condizione. "Oltretutto questa pista non si addice alle nostre caratteristiche tecniche – ha concluso Carcae questa è la riprova maggiore della crescita del gruppo. Peccato per l’uscita di Razzoli nella prima manche: ha subito un po’ troppo un taglio e ha perso il controllo degli sci. Già dalla prossima gara dovrebbe recuperare una quindicina di pettorali nelle liste di partenza e allora ne vedremo delle belle, visto che in allenamento il ‘Razzo’ le ‘suona’ regolarmente a tutti i compagni". A completare il risultato di squadra il dodicesimo posto di Cristian Deville: non è il risultato che si attendeva, ma intanto serve per metter in cascina qualche punticino.

Altre news

Raffaelli: «Voglio portare le istanze della base in via Piranesi»

Massimo Raffelli, 56 anni aostano e laureato in economia aziendale, da 14 anni è presidente dello Sci Club Aosta. Il 15 ottobre ha deciso di candidarsi nel ruolo di consigliere federale. Eccolo: «Vengo dalla base e con lo sci...

Atomic e Falconeri Ski Team proseguono insieme: siglato accordo fino al 2025

Atomic prosegue nella sua politica di stretta partnership con alcune delle più importanti realtà italiane che si contraddistinguono per l’impegno nel diffondere la pratica dello sci agonistico. Alla luce di questo, l’azienda ha rinnovato l’accordo di collaborazione per tre...

L’impegno di Sima continua

Enzo Sima è pronto per restare in consiglio federale. Il friulano ha scelto di sostenere Alessandro Falez come presidente e subito spiega le sue ragioni: «Innanzitutto il mio impegno per la Fisi continua, ho a cuore questo mondo. Abbiano...

Da Soelden a Soldeu, tante occasioni per staccare un biglietto e assistere alla Coppa

La prima neve è arrivata, i ghiacciai stanno riaprendo, le squadre stanno ultimando le lunghe trasferte oltreoceano e si apprestano ormai - chi prima e chi dopo - a rientrare e a fare ritorno sulle nevi europee. Ormai si...