Verifica positiva a Roccaraso per i Mondiali Juniores

La macchina organizzativa è già partita, ora si attende la neve

In una stagione priva di Mondiali e Olimpiadi, i Campionati del Mondo Junior di sci alpino potranno godere di una luce ancora maggiore. E di questo il territorio abruzzese dell’Alto Sangro ne è ben conscio per non dire orgoglioso. Il grande evento raggiungerà le località abruzzesi di Roccaraso e Rivisondoli dal 1° al 9 marzo ma in questi giorni la Fis ha già bussato alla porta del Comitato Organizzatore per effettuare le verifiche di controllo concordate sullo stato d’avanzamento dei lavori.
Markus Waldner, responsabile della Coppa Europa maschile, accompagnato da Flavio Roda e Massimiliano Vergani in rappresentanza della Fisi, ha passato in rassegna i tre siti di gara e allenamento della kermesse internazionale dando il via libera ai tre teatri interessati, vale a dire, la psta Lupo per le prove tecniche, la Direttissima di Monte Pratello per quelle veloci e la Direttissima di PIzzalto per gli allenamenti di slalom e gigante e il parallelo del Team Event.
Il cablaggio con fibre ottiche, la posa dei cavi e dei pozzetti per la forza elettrica e per il cronometraggio delle gare, la realizzazione del tunnel nella zona d’arrivo della pista Lupo, sono a buon punto e comunque il piano-lavori, che si concluderà nei primi giorni di dicembre, è stato rispettato. Posso invece già entrare in funzione i nuovi cannoni installati sulla Direttissima di Monte Pratello in prossimità della variante, recentemente costruita. Tutto ok anche per la zona di partenza dove si è dovuto intervenire con lavori strutturali importanti.
La Fis ha potuto constatare anche la buona efficienza degli uffici gara, accrediti, preparazione e gestione delle piste, oltre alla sistemazione del palazetto del ghiaccio che sarà adibito a skiroom, ovviamente riscaldata e dotata di sistemi di sicurezza e vigilanza. E’ già operativo il Booking Service per le prenotazioni alberghiere delle squadre e dello staff. Il termine delle prenotazioni è fissato il 1° gennaio, ma il Comitato ha già dato la piena disponibilità per far fronte ad eventuali ritardi, fissando la dead line a fine gennaio.
Ora tutti con gli occhi rivolti all’insù, perché l’unico ostacolo da superare rimane quello della neve. Da queste parti è difficile che manchi, anzi forse il problema è contrario, comunque a 15 giorni dal via della kermesse internazionale, la Fis effettuerà il controllo neve, per cui il Comitato è stato invitato ad aprire il fuoco con i cannoni della neve programmata in tempi opportuni (comunicato stampa fisi.org).
 

Altre news

Livigno, il giorno del gigante del Master istruttori: ecco i 103 al via

LIVIGNO - Ci siamo. Oggi è il giorno del gigante prima prova per accedere al Master istruttori nazionali di sci alpino. Il gigante odierno non è solo una selezione, non è esclusivamente il primo ostacolo per accedere al Master...

È uscito Race ski magazine 176, incentrato sui grandi eventi giovanili di fine stagione

La stagione agonistica 2023/2024 è in archivio, ormai tutti i circuiti si sono chiusi, anche se qualche atleta, soprattutto di alto livello, è ancora in pista per sfruttare le condizioni, testare materiale e affinare il gesto tecnico. Com’è andata...

Kitzbühel e Sestriere, EA7 Winter Tour a tutta

Il viaggio continuo, che entusiasmo EA7 Winter Tour: dappertutto, ovunque. Da appiausi per gestione, organizzazione, offerta. E sulle Alpi non poteva mancare la tappa mitica in Austria  a Kitzbuehel. Posizionati in area Sonnenrast, l’igloo EA7 ed il gatto delle...

Zermatt chiude alle Nazionali, ma a rimetterci veramente solo gli svizzeri

Ci avete tolto la Coppa del Mondo, bene non daremo la possibilità di allenarvi in ghiacciaio. Questa in estrema sintesi la decisione del direttivo della Zermatt Bergbahnen. Nella prossima estate solo le squadre di sci d’élite, insomma le Nazionali,...