Ushuaia: velocita', la ricetta di Rulfi

«Sono ottimista, stiamo colmando alcune lacune. Il più in forma? Klotz»

Un mese di Tierra del Fuego per gli azzurri della velocità. ‘Saltata’ la trasferta di Las Lenas, i ‘jet’ di Gianluca Rulfi stanno completando il mese a Ushuaia e voleranno in Italia il 21. Intanto prosegue la preparazione, ed ecco Rulfi, che appare sollevato e ottimista visto come sta procedendo il lavoro sulle piste argentine del Cerro Castor-Ushuaia:

FOCUS SUI ‘PUNTI DEBOLI’ –
«Stiamo lavorando bene. Ovviamente ci stiamo concentrando sui nostri punti deboli, in particolare sulla scorrevolezza. L’anno scorso abbiamo fatto fatica sulle ‘mezze curve’ e sui piani, indipendentemente dal duro o dal molle, stiamo cercando allora di correre ai ripari. Come? Facciamo discesa, quaranta secondi, non di più qua, e cerchiamo di essere più compatti sugli appoggi, più solidi, facciamo tanti tratti in posizione. Forse in passato abbiamo fatto degli errori, cercando la risposta sempre  e comunque di questo materiale così performante, invece adesso cerchiamo meno l’inclinazione».

KLOTZ IN OTTIMA FORMA –
‘Rulfus’ ci parla dei ragazzi: «Molto bene Siegmar Klotz, è cresciuto molto, vuoi sugli sci, vuoi atleticamente. Anche Dominik Paris sta molto bene e Werner Heel migliora settimana dopo settimana. Werner è determinato, ha trovato nuovamente fiducia con i materiali, anche dal punto di vista atletico ha lavorato meglio ma soprattutto in  maniera più mirata. Anche Mattia Casse sta progredendo in velocità, mentre in gigante è davvero in ottima forma. Poi Matteo Marsaglia, che sta facendo fatica in discesa, ma in superG si è messo a fare ottimi tempi anche sui piani. Quindi Peter Fill, che dopo un inizio in sordina si sta ritrovando».

BUON LAVORO AD USHUAIA –
Chiude l’allenatore responsabile del gruppo dei velocisti: «Dopo che è saltata Las Lenas, eravamo un po’ preoccupati, avevamo paura di trovare condizioni non buone anche a Ushuaia per far discesa. Invece, nonostante i tracciati non sono mai oltre il minuto, devo dire che è molto meglio dell’anno scorso. Intanto nella programmazione autunnale una novità. Non andremo più in Canada a Nakiska prima delle gare statunitensi, ma ci alleneremo a Cooper Mountain, stazione più idonea per la discesa. In Colorado finalizzeremo il training fatto fino ad oggi in Argentina».

Altre news

La federazione austriaca pronta a un’azione legale contro la Fis

La notizia ribalza dai media austriaci. L’Ösv, la federazione austriaca per intenderci, è pronta ad intraprendere un'azione legale contro la Fis. Motivo del contendere la centralizzazione dei diritti televisivi. Il presidente della Fis, Johan Eliasch nell’ultimo consiglio, ha fatto...

Goggia di nuovo sugli sci: «È stata durissima e non sarà facile»

Dopo quattro mesi di sofferenza, duro lavoro e fisioterapia, Sofia Goggia ha rimesso gli sci ai piedi. «È stata durissima e non sarà facile» scrive la bergamasca, che sta lottando contro l'ennesimo infortunio della carriera. Sci da slalom ai...

Tra piste in ghiacciaio e di atletica, tanti azzurri in raduno

Tra mare e montagna, tra piste da sci ancora in condizioni invernali e piste di atletica che iniziano a essere roventi. Entra nel vivo la preparazione delle Nazionali italiane, che da quasi un mese hanno ripreso ad allenarsi, in...

Già in vendita i biglietti per i Mondiali di Saalbach

Messe in archivio le finali di Coppa del Mondo, a Saalbach si pensa ai prossimi campionati del mondo che andranno in scena dal 4 al 16 febbraio 2025, mettendo già in vendita i biglietti per la rassegna iridata. First...