Marta Bassino ©Agence Zoom

Un altro podio e un’altra specialità: per Marta Bassino è la prima volta in superG, ieri è stata la prima volta il discesa, poi sono arrivati anche una top 3 nel gigante parallelo e nella combinata alpina, oltre al primo successo in Coppa del Mondo in gigante. Insomma manca solo lo slalom e li ha conquistati tutti nella stessa stagione… «Un risultato che mi rende orgogliosa di quanto sto facendo, sta uscendo una stagione molto buona. Chiaramente la mia base di partenza rimane il gigante, però posso fare buoni piazzamenti anche in altre discipline e lo sto dimostrando, anche se ammetto che a Bansko la situazione della pista è un po’ particolare. Rispetto alla discesa, in questo superG bisognava mettere maggiore attenzione in curva, andavano interpretate in modo diverso, usando certe volte la testa e certe altre volte far correre lo sci. La mia trasferta all’est finisce qui, non gareggerò a Sochi per tornare a casa, staccare qualche ora la spina e riprendere ad allenarmi. Questi risultato non mi faranno cambiare i programmi, nemmeno in slalom anche se potrei partire con il pettorale 31. Voglio dedicare il secondo posto a tutti coloro che lavorano con me e che spesso non si vedono, dietro c’è un lavoro enorme del team fra allenatori, skiman, preparatori e anche la mia famiglia che mi sostiene ogni giorno».