Tutte a caccia di Eva-Maria Brem. Italia ‘forza dieci’

Presentazione gigante Aspen – Azzurre all’attacco, 1a manche venerdì ore 18

Il pettorale rosso di Federica Brignone; il pubblico di casa, tutto per Mikaela Shiffrin; la voglia di riscatto di Viktoria Rebensburg, di conferma e magari miglioramento per Lara Gut e Tina Weirather; il recupero ad alti livelli di Tessa Worley, già vincitrice due volte da queste parti; il ritorno di Lindsey Vonn, affamata di successi senza dimenticare però che un anno fa su questa pista vinse Eva-Maria Brem, al primo e finora unico successo in Coppa del Mondo, dominando; e l’Austria femminile è uscita con le ‘ossa rotte’ da Sölden… Insomma, sono tanti i ‘temi’ alla vigilia della seconda gara di Coppa del Mondo femminile 2015-2016, un altro slalom gigante, sulla Lower Ruthie’s Run di Aspen, Colorado, Stati Uniti d’America, dove nel 2017 si terranno le Finali del circuito per la stagione 2016-2017.

RINGRAZIAMENTO – Weekend del Thanksgiving per il popolo USA, sentitissima festa di origini cristiane osservata il quarto giovedì di novembre (in Canada il secondo) in segno di gratitudine verso Dio per il raccolto e per quanto ricevuto durante l’anno trascorso. Un abbuffata di tacchino, come da tradizione, e… anche di gare, perché il programma scatta in anticipo rispetto al solito e prevede pure due slalom, sabato 28 e domenica 29, con il primo a recuperare quello ‘saltato’ a Levi lo scorso 14 novembre.

GARA – Per addetti ai lavori e molte atlete siamo alla vigilia della gara più bella e spettacolare in gigante a livello femminile, oltretutto con partenza a quasi 3.000 metri di quota. Domani sarà passato un mese (+3 giorni) dal prova di apertura sul Rettenbach, dominata da Federica Brignone (in testa ovviamente a graduatoria di specialità e classifica di Coppa), naturale favorita anche per questo gigante, dove ha già ottenuto due podi (2009 e 2014) su un pendio che ama e si adatta alle sue caratteristiche. Ma pur in contumacia Maze, Fenninger e Zettel tra le tante, la concorrenza resta ‘tosta’ e in gran forma con i nomi già citati nell’incipit dell’articolo. Occhio a Lindsey Vonn, attesissima, 5a a Meribel lo scorso marzo nella sua ultima gara disputata in gigante e 4a su questa pista nel 2008. Gli ultimi allenamenti la danno in buona forma. Altre ‘osservate’? Beh, Maria Pietilae-Holmner si è sempre trovata bene su questa pista e le svedesi in generale amano la neve nordamericana, oltretutto hanno provato già la pista, in allenamento, così come le americane padrone di casa, vantaggio non da poco; speriamo che le outsider siano comunque azzurre, Bassino, Agnelli o Goggia si candidano per esserlo, ma tutte le italiane hanno il potenziale per fare bene. Oltre a Vonn, rientra nel circuito anche Anemone Marmottan.

LA SECONDA MANCHE DI EVA-MARIA BREM NEL 2014

ALBERI DA PIOPPO – Aspen si trova nella Contea di Pitkin, vanta quasi 7.000 abitanti, fu fondata come centro minerario e ha ospitato i Mondiali del 1950, quelli che fecero grande un allora 29enne dell’Abetone, Zeno Colò. Si chiama così per l’abbondanza degli alberi di pioppo ‘Termuloides’, Aspen, appunto, in inglese.

CLIMA E PREVISIONI METEO –  Nuvolo, ma senza precipitazioni per la mattinata (americana) di venerdì 27, sole sabato e domenica. Questo dicono le previsioni. La neve del Colorado è solitamente più umida rispetto a quella Europea, la pista è stata ‘bagnata’, ma non troppo. Niente sciata sul tracciato di gara oggi.

PISTA – E’ la splendida Lower Ruthie’s Run: partenza sul ripido vero, poi canaletto che sposta la pista a sinistra, unico momento di ‘respiro’, quindi ricomincia la danza sul ripido con due cambi accentuati e pendenza che va un po’ a diminuire solo nel finale, ma neanche troppo. Traguardo ancora sul ripido. Joël Chenal, francese, e Meinhard Tatschl, austriaco, sono i tracciatori delle due manche.

ITALIANE – Da oltre dieci giorni dislocate tra Vail e Copper Mountain, a seconda dei gruppi di appartenenza, le azzurre si trasferiscono ad Aspen nella giornata odierna e in gigante gareggeranno in dieci, di cui otto nelle prime trenta a meno di rinunce dell’ultima ora: Federica Brignone e Nadia Fanchini nel mini-sottogruppo delle migliori sette, Irene Curtoni e Manuela Moelgg tra le 15, e poi Marta Bassino, Francesca Marsaglia, Nicole Agnelli ed Elena Curtoni nelle 30; poco oltre Karoline Pichler e Sofia Goggia.

ORARI E TV – Orari italiani: prima manche gigante femminile venerdì 27 novembre alle 18 (le 10 locali, diretta Rai Sport 1 ed Eurosport 2), seconda alle 21 (le 13 locali, diretta Rai Sport 1 e, dalle 21.15, Eurosport1) con studi e collegamenti pre-gara. E, naturalmente, cronaca, commenti e voci qua, sul sito di Race Ski Magazine.

Buon divertimento!

You’re not going to want to miss excitement like Mikaela Shiffrin ‘s on World Cup Race weekend.FRIDAY at The Limelight… Posted by Aspen Snowmass on Mercoledì 25 novembre 2015

 

Altre news

La Coppa Europa femminile arriva a Sarentino, finora fortino dell’Austria

La Coppa Europa questa settimana farà ritorno in Val Sarentino. Giovedì 29 febbraio e venerdì 1° marzo sulla pista Schöneben si svolgeranno due superG femminili. Dalla prima Coppa Europa in Val Sarentino, risalente alla stagione 2004/05, si sono tenuti...

Coppa Europa: Talacci è nono nel gigante di Pass Thurn vinto da Zwischenbrugger

Pass Thurn, località austriaca, è sede di recupero di due giganti maschili di Coppa Europa, in origine previsti in Slovenia, a Maribor. Nella gara odierna nona posizione per Simon Talacci. Il livignasco ha saputo risalire di una posizione nella...

Mowinckel saluta l’agonismo al termine della stagione

Sono le ultime gare della carriera per Ragnhild Mowinckel, che questa mattina ha annunciato l'ormai prossimo ritiro. Finirà la stagione, poi la trentunenne norvegese saluterà il mondo delle gare. Ha trascorso 14 anni nella squadra norvegese, 12 nel circuito...

Manuel Feller cala il poker: suo anche lo slalom di Palisades Tahoe. Sesto Vinatzer

Ancora Manuel Feller, quarto sigillo in stagione in slalom. Una vittoria, quella dell’austriaco a Palisades Tahoe, tutta in rimonta: terzo a metà gara mette pressione ai primi due con una manche delle sue di questi tempi: all'attacco, ma con...