Le piste di Zermatt

Mentre le frontiere sono ancora chiuse emerge un progetto che cancellerebbe i confini per qualche ora, tempo di una discesa di Coppa del Mondo dal Piccolo Cervino a Cime Bianche Laghi. È la proposta a cui da tempo lavorano le società impianti di Zermatt e Breuil-Cervinia, emersa però solo in queste ore, dopo che Swiss-Ski ha annunciato di aver chiesto alla Fis di togliere dai calendari internazionali la tappa di Wengen. Il Tas deve ancora pronunciarsi, il Lauberhorn che si corre dal 1930 è in bilico e intanto Zermatt si fa sentire, ma non per sostituire Wengen. È un progetto a parte, molto più ampio, che coinvolgerebbe appunto Svizzera e Italia in quella che potrebbe essere la gara più lunga dell’intero circuito: 5 chilometri di lunghezza, la maggior parte in Valle D’Aosta, che ha lanciato l’idea e ha già l’appoggio della Regione e della Fisi. Partenza sul ghiacciaio, poi l’ingresso sul Ventina.

E per risalire? Nessun problema, sta per essere ultimata la nuovissima funivia Testa Grigia – Piccolo Cervino che semplificherebbe di molto la risalita di atleti e tecnici. «Faremo di tutto per fare questa gara – dice Franz Julen al quotidiano elvetico Neue Zürcher Zeitung -. L’idea è stata degli italiani. Una Coppa senza Wengen sarebbe un clamoroso autogol per tutto il mondo dello sci». La pista è praticamente pronta, non ci sono alberi, ci sono solo chilometri di reti da dover posare per delimitare pista e crepacci. Se nulla cambierà, il prossimo gennaio si correrà l’ultimo Lauberhorn, poi dovrà essere la Federazione a decidere a chi assegnare una gara targata Svizzera. Il progetto Zermatt-Cervinia più che un’alternativa a Wengen, potrà essere una bella innovazione da inserire nei calendari. Quando? A inizio novembre, subito dopo l’opening di Soelden. Il sogno è di organizzare la prima edizione nel 2022, sperando che il Lauberhorn rimanga. Ve la immaginate una Coppa del Mondo senza il fine settimana di Wengen?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.