Suona la marsigliese sul Ganslern

Vince Lizeroux su Grange. Splendido terzo posto di Patrick Thaler

Cambia la pista e si stravolge lo scenario. Lo slalom di Kitzbuehel è tornato sul pendio del Ganslern, con l’arrivo nel ‘catino’ circondato dai tifosi con le bandiere biancorosse sventolanti. Un’atmosfera eccezionale e una pista decisamente più tecnica di quelle proposte nelle scorse edizioni. Tratti piuttosto ripidi, zone in forte contropendenza e un fondo duro come il vetro, soprattutto nella parte alta. Se la prima manche era ‘baciata’ da un bel sole, nella seconda è calata l’ombra e la scarsa visibilità ha reso ancora più difficile il compito degli atleti. C’era grande attesa in casa Austria dopo le ‘doppiette’ di Herbst e Pranger ad Adelboden e Wengen. Inoltre oggi era il compleanno di Manfred Pranger, un po’ l’atleta del momento tra le porte strette. E la prima manche ha ‘detto bene’ agli aquilotti: primo Herbst, quarto Pranger, quinto Matt, con i ‘soliti due’ Grange e Kostelic in seconda e terza posizione. Nella seconda è successo un po’ di tutto. Dalla rimonta pazzesca di Marcel Hirscher, miglior tempo parziale, che è risalito dal ventunesimo al quarto posto, a quella del nostro Patrick Thaler che ha veramente disputato la manche della vita. Più veloce di tutti in alto, ha ‘alzato il piede’ con intelligenza solo sul cambio di pendenza più accentuato e ha concluso con il terzo tempo di manche, risalendo dal quattordicesimo posto fino al terzo finale. Il primo podio in carriera per ‘Tali’ che sembra davvero aver trovato la giusta serenità per esprimere tutto il suo talento. Gli austriaci, con il nostro atleta nella leaderbord, intanto hanno fatto harakiri. Fuori Matt, fuori Pranger a poche porte dall’arrivo, fuori in seguito anche Herbst. Bandiere ammainate per i tiosi locali e festa grande nel parterre per i francesi: Julian Lizeroux è infatti riuscito a centrare la prima vittoria in carriera, ‘bruciando’ di otto centesimi, con una discesa all’arrembaggio e sul filo dell’equilibrio, il compagno di squadra Jean Baptiste Grange. Bella scena di sportività al traguardo, con Grange ad esultare per il successo del compagno di squadra. Per quanto riguarda gli altri azzurri, una giornata da dimenticare. Manfred Moelgg, partito con il pettorale numero uno, non è mai riuscito a trovare il giusto feeling con la pista. Ottavo nella prima manche, è scivolato fino al tredicesimo posto nella seconda. Cristian Deville si è battuto con il solito cuore, cercando di andare oltre al dolore che gli tormenta un ginocchio. La prima manche più che discreta, con l’undicesimo tempo, nella seconda si è gettato a capofitto nel tracciato, a caccia di un risultato da mondiale, ma è ‘deragliato’ nella zona alta della pista. Giuliano Razzoli ha cercato di raggiungere il traguardo per fare un po’ di punti, chiudendo indietro la prima manche (ventiseiesimo), ma nella seconda ha perso il ritmo ed è finito ancora fuori. La terza uscita consecutiva, peccato.

Altre news

Master istruttori: in 103 a darsi battaglia nel gigante di selezione a Livigno

LIVIGNO - Il gigante prima prova per accedere al Master struttori nazionali di sci alpino non è solo una selezione, non è esclusivamente il primo ostacolo per accedere al Master 2024. E' qualcosa di più, molto di più. E'...

È uscito Race ski magazine 176, incentrato sui grandi eventi giovanili di fine stagione

La stagione agonistica 2023/2024 è in archivio, ormai tutti i circuiti si sono chiusi, anche se qualche atleta, soprattutto di alto livello, è ancora in pista per sfruttare le condizioni, testare materiale e affinare il gesto tecnico. Com’è andata...

Kitzbühel e Sestiere, EA7 Winter Tour a tutta

Il viaggio continuo, che entusiasmo EA7 Winter Tour: dappertutto, ovunque. Da appiausi per gestione, organizzazione, offerta. E sulle Alpi non poteva mancare la tappa mitica in Austria  a Kitzbuehel. Posizionati in area Sonnenrast, l’igloo EA7 ed il gatto delle...

Zermatt chiude alle Nazionali, ma a rimetterci veramente solo gli svizzeri

Ci avete tolto la Coppa del Mondo, bene non daremo la possibilità di allenarvi in ghiacciaio. Questa in estrema sintesi la decisione del direttivo della Zermatt Bergbahnen. Nella prossima estate solo le squadre di sci d’élite, insomma le Nazionali,...