Shiffrin fa il vuoto e vince a Killington. Nello slalom dei distacchi seconda Vlhova e terza Hansdotter

Lo slalom dei distacchi abissali. Che Mikaela Shiffrin ha inflitto alle avversarie e che le altre migliori slalomiste al mondo hanno inflitto alle inseguitrici. A Killington la seconda manche è stata davvero combattuta con una serie di tempi ribassati e non di pochi centesimi. L’americana Shiffrin non ha fatto calcoli e ha vinto il 35° slalom della sua carriera. Ma questa volta ha dovuto tirare davvero fino all’ultima porta perché poco prima la slovacca Petra Vlhova e la svedese Frida Hansdotter avevano fatto una grande manche. Ha vinto con il crono di 1’43″25 e mandato in delirio i suoi tifosi; secondo posto per Vlhova a 57/100 con terzo gradino del podio per Hansdotter staccata già di 1″08. Poi si apre una seconda gara, con Bernadette Schild che dopo il secondo posto parziale non riesce a salire sul podio e chiude con quasi un secondo e mezzo di ritardo. Quinta Michelle Gisin, brava nella seconda manche. Il distacco della sesta? Wendy Holdener prende 2″37.

CURTONI MIGLIORE AZZURRA – Nel complesso una buona seconda manche per la valtellinese Irene Curtoni che a Killington è stata la migliore azzurra. L’alpina ha chiuso appena fuori dalle prime dieci posizioni, pur mantenendo un distacco alto. Ha concluso all’undicesimo posto con un gap di 4″20. 

Irene Curtoni ©Fisi/Pentaphoto

COSTAZZA: PARTE BENE, MA ESCE – Metà prova davvero convincente per Chiara Costazza che ha subito cancellato la prima manche e mostrato tutta un’altra sciata. Poi una scivolata che l’ha estromessa dalla corsa, quando aveva circa 7/10 di vantaggio sull’attuale leader.

Chiara Costazza ©Fisi/Pentaphoto

QUALIFICATI DIVERSI PETTORALI ALTI – Tante giovani con pettorali alti hanno preso la qualificazione dopo la prima manche. Nonostante le difficoltà, ben cinque atlete sono entrate pur partendo con numeri oltre il 40. Niente da fare invece per le italiane: Roberta Midali ha fatto segnare il 39° tempo, Martina Peterlini e Marta Bassino sono uscite di scena.

Roberta Midali ©Fisi/Pentaphoto

La Coppa del Mondo femminile ora si trasferisce a Lake Louise dove il prossimo fine settimana inizierà il programma della velocità. In programma superG e discesa sulle nevi canadesi che in questi giorni hanno ospitato le gare maschili.

CLASSIFICA UFFICIALE SUL NOSTRO CALENDARIO

 

Altre news

Livigno, il giorno del gigante del Master istruttori: ecco i 103 al via

LIVIGNO - Ci siamo. Oggi è il giorno del gigante prima prova per accedere al Master istruttori nazionali di sci alpino. Il gigante odierno non è solo una selezione, non è esclusivamente il primo ostacolo per accedere al Master...

È uscito Race ski magazine 176, incentrato sui grandi eventi giovanili di fine stagione

La stagione agonistica 2023/2024 è in archivio, ormai tutti i circuiti si sono chiusi, anche se qualche atleta, soprattutto di alto livello, è ancora in pista per sfruttare le condizioni, testare materiale e affinare il gesto tecnico. Com’è andata...

Kitzbühel e Sestriere, EA7 Winter Tour a tutta

Il viaggio continuo, che entusiasmo EA7 Winter Tour: dappertutto, ovunque. Da appiausi per gestione, organizzazione, offerta. E sulle Alpi non poteva mancare la tappa mitica in Austria  a Kitzbuehel. Posizionati in area Sonnenrast, l’igloo EA7 ed il gatto delle...

Zermatt chiude alle Nazionali, ma a rimetterci veramente solo gli svizzeri

Ci avete tolto la Coppa del Mondo, bene non daremo la possibilità di allenarvi in ghiacciaio. Questa in estrema sintesi la decisione del direttivo della Zermatt Bergbahnen. Nella prossima estate solo le squadre di sci d’élite, insomma le Nazionali,...