Sentite Ted: 'Sono sorpreso anche io…'

Alta Badia Live – In partenza dopo la sua discesa, è calato il silenzio

Se ne sta lì, sul podio, a prendersi tutti gli applausi, i cori, gli scatti, le riprese. Sono tutti per questo giovanotto dello Utah, che gara dopo gara sta letteralmente ‘ammazzando’ la Coppa del Mondo di gigante.

TUTTI PER TED, ANCHE LE MONTAGNE – Anche le montagne ladine lo onorano: dopo giorni prima di gelo polare, poi di nebbia e da ultimo di neve, oggi c’è un sole che scalda anche un po’ nella finish area. Ligety è lassù, dove solo può stare: se la ride dal gradino più alto del podio badiota, sa di aver fatto una grande impresa. Oltre due secondi al secondo, oltre tre al terzo, oltre quattro al quarto. Distacchi stratosferici: come vincere una volata per distacco, come vincere un derby in serie A 10-0.

LIGETY SCENDE E CALA IL SILENZIO – Secondi come schiaffi, come calci nello stomaco, come pugnalate. Secondi che fanno male, ma anche pensare: «Un giorno saremo davanti?», ripetono i ragazzi nel parterre. Ormai si sa: si corre per il secondo posto in gigante. Davvero strana l’atmosfera dopo la discesa dei big in partenza: tecnici ed atleti sbalorditi, sconsolati. Abbattuti e battuti, sconfitti. C’è silenzio in partenza. Gli atleti scendono sapendo inesorabilmente, che dietro ogni curva c’è un decimo di ritardo. Gli skiman prendono zaini e sci e salgono sul ‘gatto’ che permette di scendere dalla pista a fianco, per evitare le placche di ghiaccio della Gran Risa.

‘NON SONO INVINCIBILE’– Invincibile Ted. «Non è vero, in Val d’Isere non ho vinto, ma ho chiuso terzo. Ecco la dimostrazione che non sono invincibile». Incredibile, riesce anche ad essere umile l’americano. «Non mi aspettavo distacchi così ingenti, dopo la prima manche, se devo essere sincero, sono stupito anche io». Umile ed umano. Un dominio talmente enorme, assoluto, che in molti fanno domande sui suoi sci?  «Adesso sembra una novità che gli Head facciano paura. E da un pò di anni che Head è davanti». Grandi sci certamente, ma è il ‘pilota’ ad essere di un’altra categoria. Di un altro pianeta.

Altre news

Tra piste in ghiacciaio e di atletica, tanti azzurri in raduno

Tra mare e montagna, tra piste da sci ancora in condizioni invernali e piste di atletica che iniziano a essere roventi. Entra nel vivo la preparazione delle Nazionali italiane, che da quasi un mese hanno ripreso ad allenarsi, in...

Già in vendita i biglietti per i Mondiali di Saalbach

Messe in archivio le finali di Coppa del Mondo, a Saalbach si pensa ai prossimi campionati del mondo che andranno in scena dal 4 al 16 febbraio 2025, mettendo già in vendita i biglietti per la rassegna iridata. First...

Grande festa di chiusura per il Comitato Alto Adige

Tempo di festa, visti anche i risultati, per la tradizionale chiusura stagionale del Comitato Alto Adige. Qualche numero: nello scorso inverno in programma una decina di eventi di Coppa del Mondo; le atlete e gli atleti hanno ottenuto una...

Asiva in festa a Gressan, 150 premiati. Mosso: «Contenti della stagione, i nostri progetti funzionano»

Sono stati 150 i premiati all'annuale festa dell'Asiva, disputata sabato all'area verde di Gressan, una manciata di chilometri più in là di Aosta. Un pomeriggio di premiazioni, utile anche a tracciare il bilancio della stagione, definita positiva dal presidente...