Segnali dallo slalom di Sestriere. Roberto Lorenzi: «C’è da lavorare, ma oggi sono contento»

Tutti ci auspicavamo di vedere una azzurra nella top ten e un’altra nella top 15, ma al Sestriere non è successo. Non è una catastrofe, perché la squadra azzurra sta riordinando i pezzi, sta lavorando giorno dopo giorno per crescere e tornare in alto. E i segnali oggi sono arrivati. Intanto in quattro si sono qualificate alla seconda manche – che fino a poco tempo fa non era così scontato -. E poi in tre sono andate in zona punti. Importante per loro, importante per i contingenti perché, lo ricordiamo, oggi hanno corso in sei perché è il minimo previsto per la nazione ospitante, ma l’Italia alla vigilia contava cinque posti e a Levi ne aveva solo quattro. 

Diciannovesima Lara Della Mea, ventesima Vera Tschurtschenthaler, 28a Lucrezia Lorenzi, all’esordio in Coppa del Mondo dopo una miriade di problemi ai piedi e un sogno chiamato Coppa del Mondo che sembrava essere ormai lontanissimo. E invece ha risposto presente, ha fatto i primi punti in carriera sulle piste di casa, nel giorno dell’esordio. In zona mista arriva Roberto Lorenzi, capo allenatore che ha preso per mano questa squadra e la sta facendo crescere insieme agli altri componenti del team. «Segnali positivi, dobbiamo ancora crescere – racconta -. Serve lavorare tecnicamente e andare avanti passo dopo passo. Non si può certo pensare di avere l’exploit immediato. Sono però contento della giornata di oggi perché qualcosa inizia a intravedersi». 

©Pentaphoto

Piedi incollati per terra come al solito, ma comunque un bel sorriso – anche se Gulli è uscita e Della Mea ha sbagliato – che non può che fare bene a questa squadra. Che si sta ricostruendo e che ha bisogno di tempo. Avanti così, con le ragazze che hanno tutte parlato di fiducia e ottimismo. E di spirito di gruppo. «Una giornata positiva per tutte noi – spiega Vera -, eravamo già contente dopo la prima manche, perché non succedeva da tempo vedere tutte queste qualificate. Il lavoro con Doc? È bravo, è bravo a tenere il gruppo, sotto il profilo organizzativo, mi piace tutto lo staff per come sta lavorando». Le fa eco Lara Della Mea: «Quest’anno abbiamo un team con il quale si può lavorare bene. Sono contenta perché anche le altre ragazze sono andate bene, è una bella giornata per tutto il team».

Altre news

Meillard sfreccia nello slalom di Aspen. Podio per Strasser e Kristoffersen

Dopo i due secondi posti nei giganti dietro a Marco Odermatt, Loic Meillard riesce ad imporsi nello slalom di Aspen, Colorado, e vince per la prima volta fra i pali stretti. Il capofila della prima run, il francese Clement...

Noel comanda in prima nello slalom. 8° Sala

Dopo i giganti, ecco lo slalom sulle nevi del Colorado ad Aspen: il francese Clement Noel stacca di 27 centesimi lo svizzero Loic Meillard, reduce da due podi fra le porte larghe. Poi i distacchi aumentano: il 3° è...

Brignone vola nella nebbia di Kvitfjell: vittoria di coraggio nel superG. «Mi diverto e non voglio smettere»

Un capolavoro in mezzo alla nebbia, una prova di forza e di coraggio. Federica Brignone vince il secondo superG di Kvitfjell, una maratona durata oltre due ore e mezza, colpa della nebbia che per tutta la mattinata andava e...

Aspen, Odermatt imbattibile: 12 trionfi consecutivi in gigante. Davanti gli azzurri: 4° De Aliprandini, 5° Vinatzer

Senza parole. Marco Odermatt è semplicemente imbattibile in gigante. Di tutti colori ne combina lo svizzero sul ghiaccio del Colorado nella seconda run, ma vince sempre e comunque. E sono 12 i successi di fila in gigante. Ha fatto...