Sci di velocità: la prima Coppa di Simon Billy, ma Origone rilancia: «Non posso fermarmi ora». Greggio torna a vincere una gara dopo due anni

Simone Origone avrebbe preferito festeggiare con una vittoria il centesimo podio della sua carriera. Quest’anno però ha trovato un Simon Billy davvero in grande forma, che ha dominato la Coppa del Mondo dello sci di velocità. «Lui è cresciuto e ha chiuso il gap – racconta il campione di Champoluc -. Fare l’intera coppa su un’unica pista è un po’ come un Mondiale… Se trovi l’assetto giusto per questa pista, magari non è quello che funziona altrove». 

Un po’ il maltempo, un po’ le restrizioni Covid, la Coppa del Mondo di questa disciplina si è svolta solo in Svezia e tutto è stato deciso in 3 giorni. Stagione difficile? «Una non stagione la definirei, ma sono abbastanza tranquillo non si può sempre vincere e ho forse raggiunto un po’ di pace perché fino all’anno scorso l’avrei patita, ora invece ho capito che ci sono anche altre cose più importanti, come per esempio il lavoro che ci hanno tolto». 

Il podio di gara-2 con Valentina Greggio al primo posto

Simone Origone non è riuscito a portare a casa la tredicesima sfera di cristallo, andata per la prima volta al francese Simon Billy che ha vinto tutte e tre le gare disputate a Idre. «Che divertimento e che soddisfazione – scrive il transalpino -, dopo tanti anni di duro lavoro e determinazione. Una coppa che condivido con il mio team, mio padre e mio fratello che mi seguono e mi accompagnano ogni giorno in questa avventura». Secondo Simone Origone e terzo l’austriaco Manuel Kramer. Il futuro di Simone è già scritto, andrà avanti almeno ancora una stagione. «Non posso fermarmi adesso, sono tre anni che non proviamo il record – racconta -. Mi spiace che non si sia potuto tentare lo scorso anno, quando avevo una condizione diversa. Gli anni avanzano, ma vado avanti, avremo due stagioni di fila con i Mondiali…».

La Coppa del Mondo femminile è stata vinta dalla svedese Britta Backlund, davanti a Valentina Greggio che festeggia il ritorno al successo a distanza di due anni dall’ultimo trionfo. Era l’aprile del 2019 quando vinse a Grandvalira ed è tornata sul trono dello sci di velocità venerdì, nella seconda delle tre gare disputate. In Coppa terza posizione per un’altra svedese Lisa Hovland-Uden. 

Altre news

Sul tetto del mondo – fotogallery

Il sorriso di Marta Bassino, la medaglia d'oro del superG che pesa e che la rende orgogliosa. Una manciata di minuti prima che arrivasse la notizia della scomparsa di Elena Fanchini.

Mikaela saluta Elena: «Passione e gentilezza, impatto forte e positivo sul nostro mondo»

MÉRIBEL - La festa si ferma, le medaglie passano in secondo piano, perché nel cuore della serata è arrivata la notizia della morte di Elena Fanchini. L'ex sciatrice è morta a 37 anni, stroncata da un tumore. Poca voglia...

Se ne è andata Elena Fanchini

È morta Elena Fanchini, ex sciatrice che lottava contro un tumore, 37 anni. Era malata da tempo e Sofia Goggia le aveva dedicato la vittoria della discesa di Cortina d'Ampezzo. A gennaio del 2018 aveva annunciato che avrebbe lasciato lo...

Marta superGigante: «Una vittoria di peso, ho studiato la discesa di Vonn alle Finali 2015»

Isolde Kostner oro a Sestriere nel 1997, Marta Bassino oro a Méribel nel 2023. Ventisei anni dopo l’Italia torna sul gradino più alto del podio nel superG, una disciplina che la cuneese ha sempre fatto, ma che ultimamente le...