Marco Schwarz ©Agence Zoom

Quattro centesimi dividono Marco Schwarz e Alexis Pinturault. Quattro centesimi che per l’austriaco valgono la medaglia d’oro ai Mondiali di Cortina e l’argento per Alexis Pinturault, che cede il titolo conquistato due anni fa. Parla austriaco la combinata alpina maschile: Schwarz ha costruito il capolavoro nel superG, fermandosi a circa 3/10 dal francese. Ha poi sfruttato il grande stato di forma tra le porte strette per rosicchiare terreno intermedio dopo intermedio, fino a chiudere davanti. Oro per Marco Schwarz, argento per Alexis Pinturault – leader della Coppa del Mondo -, mentre la medaglia di bronzo è andata allo svizzero Loic Meillard, staccato di 1”12 dalla vetta. 

James Crawford, il giovane canadese che con il 32 si era inserito davanti a tutti nel superG, va vicino al grande colpo. In slalom parte con l’1 e si difende egregiamente tra le porte strette e in mezzo al ghiaccio. Alla fine chiude quarto a 1”33 dalla vetta. Poco brillante la prestazione di Riccardo Tonetti, che perde molto terreno già nel primo settore. È settimo con un distacco di 3”53. «Uno slalom ostico, molto ghiacciato – dice Tonetti -, io non ho trovato le contromisure, ho provato ad attaccare per far tagliare lo sci ma ci sono riuscito solo in qualche porta. Quando non riesci a deformare lo sci non riesci neppure a fare velocità». Quattordicesimo posto per Christof Innerhofer, mentre Giovanni Franzoni ha sbagliato subito in partenza.