Pranger vince lo slalom ad eliminazione

'Esplodono' tutti i favoriti. L'austriaco si impone su Lizeroux e Janyk

Metti una Bellevarde già di per sè molto ripida e impegnativa. Aggiungi un fondo nevoso ‘barrato’ ma non troppo costante. Completa con un tracciato – soprattutto nella seconda manche – contorto e aritmico e ottieni lo slalom iridato di Val d’Isère. Alla fine, come sempre, ha vinto il più bravo, perché Manfred Pranger è riuscito ad adattarsi al meglio alla condizione, ma lo spettacolo ne ha di certo risentito. La seconda manche è stata un massacro: via via sono saltate in aria le ambizioni dei superstiti della prima (out tra gli altri Rocca, Herbst, Myhrer, Miller, Matt e Razzoli). Michael Janyk, nono dopo la prima manche a quasi due secondi da Pranger, ha piazzato il miglior tempo sul tabellone davanti a Neureuther. Da quel momento sono saltati via via Byggmark, Raich, il nostro Moelgg e Ligety. Poi tra un tripudio di bandiere tricolori Julien Lizeroux è passato al comando, nonostante un grave errore nel tratto centrale. Quindi ancora out il favoritissimo Jean-Baptiste Grange, per lo scoramento generale della tribuna savoiarda e Johan Brolenius, autore di una grandissima prima manche. A quel punto Manfred Pranger ha potuto amministrare il mezzo secondo di vantaggio, sciando pulito, portando a casa in extremis l’unico oro di questi mondiali per l’Austria. Argento per Lizeroux, bronzo per Michael Janyk. Per l’Italia l’ennesima cocente delusione di questo mondiale.

Altre news

Settembre, mese di elezioni nei Comitati regionali. Nuova assemblea in FVG?

Un mese intenso per le elezioni del rinnovo dei consigli regionali della Fisi. Il 3 settembre si apre a Milano (all’Auditorium Testori del Palazzo Regione Lombardia) e a Roma (nel Palazzo delle Federazioni Sportive) con le assemblee elettive di...

Uk Sport taglia i fondi, gli inglesi della neve tremano e Ryding lancia un crowdfunding

Quale futuro per gli sport invernali britannici? Non roseo, come ha comunicato la stessa GB Snowboard (Federazione) ai suoi atleti. Sci alpino, fondo e nordico paralimpico non sarebbero più ritenuti idonei, dalla UK Sport, per ricevere i finanziamenti del...

Nello skiroom azzurro di Landgraaf

Ore e ore dietro agli sci. Lo fanno sempre, a maggior ragione quando sono in raduno negli skidome, dove il filo si mangia in fretta. Lavoro frenetico per gli skiman, che a volte non hanno avuto neppure il tempo...

Il ritorno di Peterlini: «Tanto, ma tanto lavoro dopo due operazioni»

«Sono tornata». Martina Peterlini ha rimesso gli sci ai piedi nei giorni scorsi. Lo ha fatto dopo un lungo stop, durato quasi otto mesi da quel 16 dicembre dello scorso anno, quando nello slalom di Coppa Europa di Valle...