Pranger vince lo slalom ad eliminazione

'Esplodono' tutti i favoriti. L'austriaco si impone su Lizeroux e Janyk

Metti una Bellevarde già di per sè molto ripida e impegnativa. Aggiungi un fondo nevoso ‘barrato’ ma non troppo costante. Completa con un tracciato – soprattutto nella seconda manche – contorto e aritmico e ottieni lo slalom iridato di Val d’Isère. Alla fine, come sempre, ha vinto il più bravo, perché Manfred Pranger è riuscito ad adattarsi al meglio alla condizione, ma lo spettacolo ne ha di certo risentito. La seconda manche è stata un massacro: via via sono saltate in aria le ambizioni dei superstiti della prima (out tra gli altri Rocca, Herbst, Myhrer, Miller, Matt e Razzoli). Michael Janyk, nono dopo la prima manche a quasi due secondi da Pranger, ha piazzato il miglior tempo sul tabellone davanti a Neureuther. Da quel momento sono saltati via via Byggmark, Raich, il nostro Moelgg e Ligety. Poi tra un tripudio di bandiere tricolori Julien Lizeroux è passato al comando, nonostante un grave errore nel tratto centrale. Quindi ancora out il favoritissimo Jean-Baptiste Grange, per lo scoramento generale della tribuna savoiarda e Johan Brolenius, autore di una grandissima prima manche. A quel punto Manfred Pranger ha potuto amministrare il mezzo secondo di vantaggio, sciando pulito, portando a casa in extremis l’unico oro di questi mondiali per l’Austria. Argento per Lizeroux, bronzo per Michael Janyk. Per l’Italia l’ennesima cocente delusione di questo mondiale.

Altre news

Esordio in Coppa del Mondo per Lucrezia Lorenzi e Beatrice Sola

«Devo andare forte alle Fis di Diavolezza, poi in Coppa Europa e poi vediamo...». Questo in sintesi il messaggio chiaro, limpido, di Lucrezia Lorenzi che abbiamo sentito proprio una manciata di giorni di quello slalom Fis valido come una...

Coppa Europa, Schieder: «Oggi due piccoli errori»; Molteni: «Abbastanza contento, in superG devo abbassare i punti»

Hanno cancellato un volo a Monaco di Baviera e gli azzurri reduci da Beaver Creek hanno posato la testa sul cuscino all’1 di notte. Un po’ di stanchezza, un po’ di jet lag, ma ugualmente pronti a scendere in...

L’Italia sfiora il podio a Santa Caterina: quarto Schieder, quinto Molteni. SuperG a Mettler

Durante il primo giro di lisciatura, questa mattina, sembrava allontanarsi l’ipotesi di vedere un superG di Coppa Europa sulla Deborah Compagnoni di Santa Caterina Valfurva. Ma la speranza è sempre l’ultima a morire e così passaggio dopo passaggio, lisciatura...

Zinal, domina Hilzinger. Zenere 7a, Platino 11a

Secondo gigante di Coppa Europa sulle nevi elvetiche di Zinal. Asja Zenere, ieri grande vincitrice  fra le porte larghe, non riesce a confermarsi davanti ma è autrice comunque di una bella gara. Termina settima la veneta del gruppo Coppa...