Una splendida giornata di sole ha incoronato una bellissima edizione della ormai storica Peak to Creek. A non mancare, oltre all’entusiasmo degli atleti e del pubblico, è stato ilvento, presenza ormai costante in questo inverno 2018/2019. Le raffiche e le temperature gelide non hanno però raffreddato il clima di festa che si è respirato sabato 26 gennaio a Bormio, dove più di 360 discesisti si sono confrontati con la mitica Stelvio, provandol’ebrezza di sciare su una pista da Coppa del Mondo, girando attorno alle porte e misurandosi col cronometro. A spuntare il miglior tempo e ad aggiudicarsi la XIVa edizione sono stati Pierfederico Formenti (alla quarta vittoria personale!) per gli uomini e Valentina Porro per le donne (già vincitrice nel 2017), mentre lo snowboard più veloce a scivolare per gli 8 km e 1800 metri di dislivello della gara, è stato quello di Pietro Marzorati.

PER TUTTE LE CLASSIFICHE CLICCA DI SEGUITO  peaktocreek.it

Grande successo anche per la Creek to Peak: la scialpinistica, giunta alla seconda edizione, ha visto un sostanzioso incremento dei partecipanti, con più di 150 persone al via. Il percorso migliorato e allungato rispetto a quello tracciato nel 2018 e la bella situazione che si è creata grazie pubblico che a Bormio 2000 ha atteso il passaggio degli atleti, fa sì che ci siano tutte le premesse perché la C2P diventi una gara classica della sua categoria.Nel frattempo, a tagliare il traguardo per primo col notevole tempo di 44 minuti e 46 secondi, è stato Fabio Pasini; mentre in campo femminile la più veloce a risalire i circa 1000 metri di dislivello è stata Charlotte Bonin.La Peak to Creek non è stata solo una giornata di sport. La formula rinnovata, con entrambe le gare concentrate in un unico giorno, ha permesso a due mondi diversi (quello dei discesisti e degli scialpinisti) di conoscersi e far festa insieme. Ed è proprio lo spirito della festa ad aver caratterizzato questa edizione, con la zona di arrivo della Peak to Creek che si è animata da mezzogiorno fino alla partenza della scialpinistica alle 17, per vedere poi il party trasferirsi a Bormio 2000, grazie anche alla funivia che è rimasta in funzione gratuitamente fino alle 21. Ore di musica e divertimento animate da speaker, dj e un ospiteinsolito per le piste da sci: l’anfibio Aperol Spritz!Se tutto ciò è stato possibile, lo si deve alle realtà che hanno creduto e supportato questo evento, a partire da BormioSki, DF Sport Specialist, Salice, Salati Preziosi, Level, Levissima, Bosco, Banca Popolare di Sondrio.
Grazie ai due locali, BeWhite e Hotel Girasole, e a tutto lo staff coinvolto. E grazie anche agli atleti per il loro entusiasmo!