Paris: «Ho ancora voglia di vincere. Le Olimpiadi? Solo se davvero competitivo»

La leggenda della discesa, il più forte di tutti in Italia se si parla di velocità. Il numero uno senza se e senza ma di tutti i tempi: ecco Dominik Paris. Classe ’89, altoatesino della Val d’Ultimo, attualmente ha vinto 21 gare di Coppa del Mondo. E fra queste tre discese a Kitzbuehel e sei a Bormio per dare qualche indicazione in merito alla sua immensità. E poi due medaglie iridate, fra cui l’oro in superG ad Aare 2019. E’ vero, manca una medaglia olimpica per il fuoriclasse azzurro, ma probabilmente questa sarà la ragione principale se lo vedremo ancora al cancelletto di partenza della sua Stelvio nei Giochi del 2026. Immenso, unico, ma non perfetto. L’anno scorso infatti Domme ha attraversato una stagione difficile in cui ha centrato solo un podio nella massima serie. Ma Paris vuole guardare subito avanti e rifarsi.

Dopo la divulgazione della nuove squadre nazionale ecco cosa ci dice: «Ho iniziato da poco la preparazione atletica, ho iniziato a togliere un pò di ruggine dal motore. Tendenzialmente lavorerò a casa atleticamente a causa dei vari impegni e dal momento che l’inverno è lungo e sono spesso via. E’ stata una stagione difficile, ma voglio subito guardare avanti. Ho ancora tanta determinazione per tornare a vincere, io scio per quello e il resto conta poco». Non c’è più il team cosiddetto privato anche se il fedele Alberto Ghidoni rimarrà nello staff tecnico guidato da Lorenzo Galli. Continua Dominik: «Quando sulla neve? Da fine agosto nella trasferta oltreoceano, al massimo qualche giorno prima ma solo per testare eventualmente del materiale». Vuole tornare a vincere, a primeggiare soprattutto. E le Olimpiadi di Milano Cortina 2026? Chiude il gigante della Val d’Ultimo: «E’ presto dire se sarò al via ai Giochi in Italia. Devo vedere anno dopo anno…ovviamente ci sarò solo se davvero competitivo, se sarò ancora vincente».

 

Altre news

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...