Abbiamo incontrato Mirko Deflorian al Passo dello Stelvio. Il gigantista della Val di Fiemme ha concluso il 18 agosto la squalifica e adesso si sta allenando a tutta in vista della stagione agonistica. ‘Deflo’ non fa più parte del Gruppo Sportivo delle Fiamme Gialle, anche se è rimasto in Finanza, e si è iscritto per l’Us Cornacci, sodalizio di Tesero. E’ obbligato a pagarsi di tasca propria le spese delle trasferte, anche se ultimamente è arrivato un accordo con Head per il materiale; da settembre almeno tre giorni la settimana sale sul ghiacciaio dello Stelvio per la preparazione sulla neve, dopo il mese di agosto dedicato esclusivamente al lavoro atletico. “Negli ultimi giorni mi sono diviso fra l’Esercito e la squadra azzurra che mi hanno  ospitato nei loro tracciati; solitamente mi aggrego al Comitato Trentino, e a proposito devo ringraziare Furio Brigadoi che mi sta dando una grossa mano per allenamenti, preparazione a secco, video. Senza Furio non dico che sarebbe stato impossibile, ma molto più difficile senz’altro. Adesso mi voglio allenare per essere pronto alla  prima chiamata, che può essere un test o una convocazione. Vediamo, non so ancora i programmi, ma oggi devo pensare a sfruttare la prima occasione che mi sarà data. Non voglio sconti, so che mi devo guadagnare tutto, aspettando comunque un segnale dalla federazione”.