Marco Odermatt da paura sulla Face. Luca De Aliprandini manca il podio per sette centesimi

Devastante. Marco Odermatt va a vincere in casa di Pinturault. Partiva per ultimo, sapeva che il francese era davanti a tutti al traguardo, anche con margine. Aveva solo poco più di tre decimi da gestire, ma la pressione gli è scivolata via ben presto: quasi raddoppia il vantaggio, poi gestisce a va vincere sul francese con 59 centesimi.
Il gigante sulla Face è suo. Chapeau. E consolida il primato nella generale sfondando già quota 400.

Sette centesimi, su due minuti, 13 secondi e rotti in due manche. Luca De Aliprandini manca il podio per sette centesimi. Un distacco che lascia l’amaro in bocca, ma che è l’ennesima conferma che Luca in gigante è sempre nel lotto dei migliori.
E li ha persi con Manuel Feller che spesso qualcuna la combina e che invece oggi ha sciato, sempre alla sua maniera, tutto all’attacco, con qualche errore, ma sempre mantenendo velocità. Anche in questa seconda manche l’azzurro era davanti sino ad oltre metà gara, cedendo qualcosa solo nel finale. Faivre che era davanti a lui è rimasto ancora più indietro, ottavo alla fine, Zubcic ancora peggio, scivolando fuori gara.

Luca De Aliprandini ©Agence Zoom

Seconda manche da rimonte: per la pista e la visibilità. Kristoffersen quinto con sei posizioni recuperate, Meillard settimo con ben nove, Murisier nono con quattro, Tumler con il record di 15, passando dalla ventinovesima piazza alla quattordicesima, con il best crono nella seconda discesa. Se c’è chi rimonta, c’è chi sbaglia: solo Schmid conferma il sesto posto, Faivre, come detto scala all’ottavo, Kranjec rimane nella top ten, ma perde tre posizioni dalla settima di metà gara.
Salgono anche due dei tre azzurri qualificati: Giovanni Borsotti è diciottesimo con un +6, Alex Hofer si piazza ventunesimo dopo la qualifica con il trentesimo tempo. Riccardo Tonetti invece, sbaglia, va lungo su una porta, risale per chiudere lo stesso.

LEGGI ANCHE

LE ULTIME NOTIZIE