Il 15 dicembre 2018, durante la discesa libera di Coppa del Mondo sulla Saslong, Marc Gisin si è infortunato gravemente in seguito a una brutta caduta. Cinque mesi dopo l’incidente, il discesista svizzero è tornato in Val Gardena per ringraziare personalmente gli organizzatori e, specialmente, l’Aiut Alpin per aver svolto alla perfezione gli interventi di soccorso. Marc Gisin non scorderà mai la sua 101esima gara in Coppa del Mondo: un incidente che gli ha procurato diverse lesioni e alcune fratture non gravi della colonna vertebrale. Prima che venisse trasportato all’ospedale di Bolzano, Gisin è stato intubato. Infine, è stato trasferito a Lucerna. Cinque mesi dopo, l’elvetico si è ripreso. «Nel frattempo sono tornato in forma e questo lo devo in buona parte proprio al comitato organizzatore e al team dell’Aiut Alpin, che ha svolto un lavoro eccellente. Specialmente la dottoressa Rauch, che ha coordinato le operazioni di soccorso. Per me era importante tornare in Val Gardena per dimostrare la mia riconoscenza. L’efficienza dei soccorsi non è una cosa da dare per scontata. Mi avete salvato la vita e se adesso mi sento bene è grazie a voi».

1 COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.