LIVE – Sul Podkoren l’ultima di Deville? «La passione mi spinge a non mollare, ma…»

Cristian Deville lascia il parterre del Podkoren e si dirige verso i parcheggi. Lo incrociamo, ci avviciniamo, ci confrontiamo. Cinque maledetti centesimi di troppo lo hanno condannato a non partire per la seconda da manche di Kranjska Gora. Commosso, con la testa e soprattutto il cuore a rimembrare anni di podi, primi gruppi di merito, quella splendida vittoria nel tempo di Kitzbuehel.

ECCO CRISTIAN – Ci dice Deville: «L’ultima oggi? Forse si, ma non so ancora. Ho tanta voglia, la passione non manca, ma ho i punti un po’ alti. Certo, c’è la possibilità di abbassare i punti senza problemi nelle FIS, ma devo capire se davvero vale la pena tutto questo. Quattro anni fa volevo mollare, ora ci ho provato forte di un entusiasmo rinnovato». Purtroppo l’infortunio di Wengen lo ha messo fuori gioco (e dai Giochi, altrimenti sarebbe stata dura per Vinatzer). Il trentasettenne fassano di Moena è più sul no che sul si in merito al suo futuro agonistico. Così sembrerebbe. E continua il portacolori delle Fiamme Gialle: «Ci si è messo il ginocchio a complicarmi la vita, devo capire se riesco a raccogliere le forze per provare a fare qualche FIS stando davanti. In questo momento, così a caldo, non so bene». Non può finire così guerriero, per cinque infami centesimi. I ricambi? Dietro i ragazzi crescono, si fanno avanti, ma a conti fatti e con quello che ha fatto vedere il team delle porte strette quest’inverno, il posto per Deville in teoria ci sarebbe. Eccome se ci sarebbe. Non mollare Devil…

Altre news

Zermatt chiude alle Nazionali, ma a rimetterci veramente solo gli svizzeri

Ci avete tolto la Coppa del Mondo, bene non daremo la possibilità di allenarvi in ghiacciaio. Questa in estrema sintesi la decisione del direttivo della Zermatt Bergbahnen. Nella prossima estate solo le squadre di sci d’élite, insomma le Nazionali,...

Calendari di Coppa del Mondo, a che punto siamo?

Sui calendari di Coppa del Mondo tanto si è detto in queste ultime stagioni. Dalle lettere aperte degli atleti, sino alla recente proposta (Change the Course) della federazione norvegese di dividere la stagioni in blocchi geografici, spostando l’avvio della...

Race Future Club, Scolari ai club: «Osserviamo anche gli altri, la scuola italiana non è sempre sinonimo di perfezione»

Si è chiusa a Cortina d'Ampezzo la terza edizione di Race Future Club, l'iniziativa di Race Ski Magazine che premia i migliori Children italiani quest'anno in collaborazione con Fondazione Cortina. Questa volta da 20 atleti il passaggio a 24,...

Race Future Club, Longo ai ragazzi: «Conta vincere, ma siate sempre umili per continuare a crescere»

«Ci tenevamo tanto a ricordare Elena Fanchini e così abbiamo deciso di dedicarle i nostri uffici ed una sala in particolare. Siamo orgogliosi di questo», fa sapere Stefano Longo, presidente di Fondazione Cortina e vice presidente vicario Fisi, mentre...