LIVE – Roda ad Aosta: «Risultati ottenuti da tutti: la FISI è cambiata, il debito estinto». L’ASIVA appoggia il presidente uscente

«Diamo sostegno a Flavio Roda perché la FISI è cambiata, ha adoperato un piano per ripianare i debiti e lanciare il futuro». Riccardo Borbey, il presidente dell’ASIVA che ha deciso di non ricandidarsi alle prossime elezioni del Comitato, è stato chiaro e ha lanciato la volata al presidente federale uscente, ieri ad Aosta per le ultime giornate di campagna elettorale. Nella sala del Comitato ASIVA, Roda ha partecipato alla riunione con i club, accompagnato anche da Dante Berthod, Pietro Marocco e Stefano Longo, altri tre candidati all’assemblea di domenica.

RODA: «ABBIAMO RIPRESO CREDIBILITÀ» – Lungo l’intervento di Flavio Roda che ha parlato a diversi sci club locali in modo trasversale, dallo sci alpino allo sci nordico, passando anche per le discipline minori. «I risultati si ottengono tutti insieme, Comitati, consiglio federale e sci club hanno cambiato l’aspetto della Federazione – racconta -. E poi abbiamo avuto grande coraggio sotto l’aspetto economico: negli ultimi quattro anni le entrate sono aumentate di 7 milioni, abbiamo risanato tutti i debiti riducendo al minimo le spese di gestione». E poi l’attuale presidente guarda all’immediato futuro: «Ora è necessario fare attenzione, la FISI non può ritrovarsi con i problemi che aveva e che abbiamo risolto. Dobbiamo continuare a crescere, obiettivo arrivare a 30 milioni».

LA PARTE SPORTIVA – Poi spazio alla parte sportiva, alle difficoltà incontrare nei primi due anni di mandato (dopo il commissariamento) e ai successivi quattro di soddisfazioni. «Dobbiamo guardare all’alto livello perché le risorse economiche arrivano da lì – prosegue -, ma senza togliere l’attenzione sui Comitati e gli sci club: senza di loro la Federazione non esisterebbe».

NELLA STANZA DEI BOTTONI – Flavio Roda, oltre essere inserito nella FIS, è anche entrato in Giunta CONI. «La stanza dei bottoni dello sport italiano, la FISI in passato era un po’ lontana, ora siamo di nuovo in stretto contatto e abbiamo il supporto per diverse attività, anche per la ricerca».

L’APPOGGIO DI BERTHOD, MAROCCO E LONGO – «Flavio Roda è quotato anche a livello internazionale, la FISI in questi anni ha ripreso forza e credibilità», spiega Berthod. Poi l’intervento di Pietro Marocco: «Io e Dalpez ci siamo candidati proprio per avvicinare i Comitati a Via Piranesi, abbiamo lavorato bene con la FISI». Chiusura per Longo: «Solo ora si vedranno i veri risultati di quanto è stato fatto: non si parlerà più di debiti, ma di attività sportiva. In Federazione c’è da fare, ma non da distruggere. Il valore e la reputazione che la FISI ha costruito sono straordinari».

Altre news

Il progetto “Juniors to Champions” di Atomic è realtà anche in Italia

Il progetto Juniors to Champions di Atomic è realtà anche in Italia. Il più grande produttore di sci al mondo, che ha come obiettivo quello di accompagnare i giovani ed emergenti talenti che puntano ai grandi palcoscenici, vuole fornire...

Gruppo Rossignol ha radunato i suoi 45 istruttori nazionali

Il Gruppo Rossignol chiama a raccolta i “suoi” Istruttori nazionali per presentare il nuovo progetto di “brands promotions”. In occasione dell’aggiornamento ufficiale della Fisi a Cervia, Rossignol, lo scorso 24 maggio, ha anticipato il momento di formazione organizzando una...

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...