Massimo Rinaldi e Matteo Guadagnini

Un clima tranquillo e sereno. Sono queste le prime impressioni che si respirano in pista a Sestriere, dove si è appena conclusa la ricognizione della prima manche. Matteo Guadagnini è tra i primi a entrare in pista. Con lui anche Damiano Scolari, Massimo Rinaldi, Luca Liore e poi via a via tutti gli altri tecnici. Parlano, scherzano, poi massima concentrazione: ognuno nella sua postazione ad attendere le atlete. Guadagnini scende piano piano, sorride, si avvicina e dice: «che bella neve, proprio un bel terreno duro». Quasi a voler dire: ‘questo è il nostro pane’. Ed è proprio così perché la pista è in perfette condizioni. La parte alta è ghiacciata, nel vero senso della parola. Il sole non è ancora arrivato, ma già si vede il lucido spuntare. Anche dalla partenza dello slalom in giù non si scherza. Manto compatto, tirato a lucido, proprio come piace alle azzurre. E allora è lecito sperare in un grande risultato. All’interno del team azzurro c’è davvero tanta positività.

La svizzera Lara Gut
La svizzera Lara Gut

TRACCIATO – I tecnici azzurri hanno già ispezionato il tracciato nella giornata di ieri. Non ci sono tantissime curve, è tutto da mollare, quelle mezze curve dove non è permesso girare troppo. Le distanze variano tra i 25 e i 28 metri. «Ci hanno rallentato facendoci andare più veloce», dice ridendo Guadagnini.

TIFOSI – Intanto ai piedi della pista stanno arrivando i tifosi. Se ne attendono davvero tantissimi. Appassionati, turisti che hanno colto l’occasione del weekend lungo dell’Immacolata per guardare la Coppa del Mondo, sci club, allenatori e maestri di sci. A Sestriere si fa sul serio. È stato allestito un villaggio di grande impatto. È tutto pronto per il grande evento. Ore 10.30 la prima manche.

Il parterre di Sestriere visto dall'alto
Il parterre di Sestriere visto dall’alto

I PETTORALI – Ad aprire lo slalom gigante di Sestriere sarà la tedesca Viktoria Rebensburg, seguita da Nina Loeseth, 3 per Tina Weirather, Federica Brignone sarà la prima delle azzurre e avrà il pettorale numero 4. Numero cinque per la transalpina Tessa Worley; le altre azzurre: 11 Manuela Moelgg, 12 Sofia Goggia, 14 Marta Bassino, 17 Nadia Fanchini, 21 Irene Curtoni, 23 Francesca Marsaglia, 25 Elena Curtoni e 60 Nicole Agnelli.