LIVE – Pinturault vince a Soelden 15 anni dopo Covili. Sul podio Hirscher e Neureuther

La vittoria francese che mancava dal 2001, quando vinse Covili. La Francia è tornata a vincere sul Rettenbach di Soelden. E lo ha fatto con l’immenso Alexis Pinturault, subito in forma al primo appuntamento stagionale. Nella prima discesa era di poco avanti rispetto a Hirscher. Nella seconda ha invece fatto il vuoto. Due manches chiuse in 2″14’01” e 70/100 rifilati all’austriaco Marcel Hirscher. Recupera tre posizioni e sale sul podio il tedesco Felix Neureuther, staccato di 1″37. Ottima la prestazione di Zan Kranjec. Lo sloveno, quarto a 1″44 e a un soffio dal podio, ha recuperato ben sei posizioni. Nove invece quelle recuperate da Ted Ligety, mentre Justin Murisier, terzo provvisorio si è fermato al settimo posto finale.

FINFERLO – Si salva Finferlo. Luca De Aliprandini si è ben destreggiato nelle maglie angolate presenti nella seconda manche. Ha attaccato, provato a recuperare e ci è riuscito. «Peccato per la prima», dice Augusto Prati di Salomon in zona mista. Ed è proprio così perché avrebbe potuto fare un grande risultato. Prova soddisfacente nel complesso per l’azzurro che è partito con il pettorale 28 e ha concluso 10 a 2″12.

MALE GLI AZZURRI – Per trovare gli altri azzurri bisogna andare oltre la ventesima posizione. Florian Eisath ha concluso ventunesimo a 2″57, ancora più indietro un irriconoscibile Roberto Nani, solo ventiquattresimo. Fuori Manfred Moelgg. Nella prima frazione niente da fare per Riccardo Tonetti, Tommaso Sala, Dominik Paris, Andrea Ballerin e Simon Maurberger. 

BRUTTO AVVIO – Un avvio decisamente brutto per gli azzurri (eccetto De Aliprandini). Una prima gara da dimenticare sul Rettenbach. Una pista che oggi non era dura e barrata come al solito, ma che si è presentata con una neve aggressiva. Gli azzurri si sono allenati in Val Senales sul ghiaccio, è vero, ma questa non può essere considerata una scusa. Certamente ogni sciatore predilige un determinato tipo di neve, ma dietro a questo risultato non c’è solo questo. E neppure i segni che si sono depositati discesa dopo discesa. Lo dimostrano diversi inserimenti nelle zone alte anche con pettorale alto. È la prima gara della stagione e non si possono emettere sentenze. Certo, i gigantisti azzurri per ritrovare le prime posizioni e il podio dovranno lavorare. Un podio che manca da tanto, se escludiamo quello di Massimiliano Blardone l’anno scorso in Giappone.

Altre news

Eyof, bronzo di Bieler in superG: «Ho pianto per le medaglie mancate, oggi davvero felice»

EYOF 2023 FVG LIVE - Ha aspettato Tatum Bieler fino all'ultimo, fino alla sessantaduesima, proprio a fianco dell'allenatore del Comitato valdostano Peter Angster. In piedi nella finish area. E mentre il telefono squillava in continuazione per i complimenti di...

La grande fiducia e la solidità di Mattia Casse

Ci vuole la tecnica, ci vogliono le gambe, ci vuole anche la fiducia. Perché spesso puoi avere i primi due elementi, ma senza un mix di fattori, non sempre il risultato arriva. Mattia Casse durante questa stagione ha trovato...

Eyof, cala il sipario con il titolo di Banyai in superG. Antonioli butta via una medaglia

EYOF 2023 FVG LIVE - Con il superG maschile di Tarvisio si chiude il Festival Europeo della Gioventù Olimpica griffato Friuli Venezia Giulia. Due superG in un giorno, con Tatum Bieler a mettersi al collo la medaglia di bronzo. Nella gara...

Gran finale all’AlpeCimbra: doppietta per Giada D’Antonio

Due su due. Giada D’Antonio ha concesso il bis a Folgaria e ha chiuso in trionfo la sua esperienza alla 52ª edizione dell’AlpeCimbra Fis Children Cup. Dopo il successo conquistato in gigante, la promettente atleta di San Giovanni al...