LIVE – Motivazione Brignone: «Sono in crescita e ho ancora molto da dare a questo sport»

Federica Brignone, Sofia Goggia e Marta Bassino hanno ormai concluso il primo lungo periodo di allenamento al Passo dello Stelvio. La valdostana Brignone, prima donna italiana a vincere la Coppa del Mondo generale, non si è ancora fermata. 

Federica, com’è andata allo Stelvio?
«Abbiamo la fortuna di avere questo ghiacciaio e per noi è una grande cosa. Stando al Livrio abbiamo avuto la possibilità di uscire quando volevamo, prima e dopo e cambiare materiali. Ottimo lavoro, anche se non siamo state fortunate con il meteo. Io non sono una grande fan dello sci estivo, però lavorare così è diverso». 

Non ti sei mai fermata, niente vacanze quest’anno?
«Vacanze sì, me le sono meritate e poi un atleta di alto livello non può permettersi di fare 12 mesi senza stop. Fisico e mente ne risentono, ho bisogno di una pausa, altrimenti arrivo ad agosto che sono distrutta. In questo periodo nessuno sportivo di alto livello si è fermato, chi dice il contrario è perché non ha capito che cosa significa fare sport e l’atleta». 

Hai già pensato alla prossima stagione?
«Sarà sicuramente piena di incognite per tutti, ma io proseguo con il mio lavoro e continuo a fare l’atleta come se tutto fosse normale, altrimenti non riesco a lavorare bene. Ai problemi futuri ci penserò… in futuro. Ora lavoro al 100%». 

“Ho raggiunto il mio più grande sogno, ripetermi sarà difficile, ma io amo mettermi in gioco”

Hai vinto e raggiunto un grande traguardo, ti senti appagata?
«Nelle ultime stagioni sono andata in crescendo, ho raggiunto il mio più grande sogno e sarà difficile ripetersi, lo so benissimo. Io però sono pronta a giocarmela, non penso di aver finito la mia carriera e so quello che posso ancora dare a questo sport. Ho l’occasione di dimostrare ancora molto, mi piacerebbe salire su quel podio finale e vivere per davvero il sogno che avevo in testa: ho vinto la Coppa del Mondo, mi manca ancora quel pezzo». 

Motivata?
«Sì, forse come mai prima d’ora, ho raggiunto la maturità, sono consapevole di quello che voglio dalla mia vita: voglio questo, lo sci. Non sono l’atleta che smette perché ha vinto tutto, mi piace fare l’atleta, amo mettermi in gioco». 

Allo Stelvio si è allenata anche Petra Vlhova, con la quale hai lottato per la generale, vi siete incrociate?
«Noi siamo state al Livrio, lei era a Baita Ortler e quindi non ci siamo incrociate. L’ho intravista una volta sulla motoslitta e ci siamo solo salutate da lontano. 

Altre news

Ancora neve a San Pellegrino: salta anche il secondo superG

Ancora neve a Passo San Pellegrino. Questa mattina la Val di Fassa si è svegliata con una nuova fitta nevicata in corso e visibilità molto bassa. Condizioni decisamente peggiori rispetto a ieri, quando il cielo era a tratti sereno,...

Svelata To Tag, la mascotte dei Giochi Mondiali Universitari di Torino 2025

To Tag è pronto a conquistare il cuore di tutto il mondo. A Torino è stata presentata la mascotte dei XXXII Giochi Mondiali Universitari invernali di Torino 2025, nata dalla volontà di creare una connessione universale che vada al...

Inarrestabile Odermatt: 1001 punti di vantaggio a 10 gare dalla fine!

Henrik Kristoffersen ci ha provato, ha provato a mettere pressione a Marco Odermatt nella seconda manche del gigante di Palisades Tahoe, ma lo svizzero ha fatto il Marco Odermatt nel finale di gara, rifilando tre decimi nell'ultimo settore, per...

Odermatt appena davanti a Kristoffersen, poi ampi distacchi a Palisades Tahoe

Nuova trasferta oltreoceano per il settore maschile, che poco fa è sceso in pista per la prima manche del gigante di Palisades Tahoe. Negli Stati Uniti, altra strepitosa manche per l'elvetico Marco Odermatt, che chiude in 1'06"48 e di...