Bisconti a consulto con i ragazzi ©Gabriele Pezzaglia

Trentanove pronti alla sfida finale. In scena insomma per l’atto conclusivo. Ancora tre prove, dopo quella del corto raggio già effettuata. Ieri infatti, a causa della neve caduta nella notte della vigilia, non si è potuto proseguire con i lavori. E così tre esercitazioni rimandate a questa mattina, ancora tre prove per accedere al Master Istruttori 2018, l’ultimo atto della stagione. E siamo allora ancora a Livigno, in Federia sulle nevi del Carosello 3000 per raccontarvi questa giornata.

MASSIMO DIECI – Solo massimo dieci saranno i magnifici. E l’undicesimo se sufficiente? Solo se avrà la media del decimo passerà, altrimenti a casa: il concorso parla di massimo dieci appunto. Nella prima giornata nel corto raggio sono stati sufficienti solo sei: Elena Re, Giacomo De Marchi, Giovanni Manfrini (i tre che fra l’altro godono del bonus di 0.25 che sarà utile per arrivare al 6 in caso di necessità), quindi Alberto Vietti, Daniel Dejori e Paolo Pangrazzi. Alle 8.45 ancora a lottare: serpentina, parallelo e cristiana arco medio nel menù di giornata. E con i sei già accennati in pista anche: Bastiani, Poncet, Bagnasacco, Cuadrado, Giromini, Mazzocco, Moraschinelli, Rota, Soraru, Ottelli, Casagranda, Monaci, Chiappa, Grosso, Petrucci, Quaquarelli, Fontana, Martini, Taller, Parola, Cotti Cottini, Peraudo, Boldrini, Polverini, Verra, Marchetti, Ravelli, Di Ronco, Del maschio, Confortola, Anselmo, Benzoni, e Zingerle. Battaglia assicurata, ci sarà da divertirsi.