Lindell-Vikarby: ‘Lavorero’ per il bene degli atleti’

Ha appena appeso gli sci al chiodo, ma continuerà a lavorare nella Commissione atleti FIS, assieme a Mike Janick, altro atleta ritirato. Il loro ruolo è stato confermato nell’ultimo Meeting di Varna, in Bulgaria, prima settimana di giugno.

FUTURO – «Il ritiro? Ci ho pensato un po’ – ammette l’atleta svedese parlando con il sito ufficiale della Federazione internazionale -, poi mi son detta che era il momento giusto per lasciare, dopo due stagioni ricche di soddisfazioni, la prima con cinque podi, una vittoria e il secondo posto nella classifica di gigante; la seconda con la medaglia iridata conquistata a Vail. E’ stato un lungo viaggio, con tanti alti e bassi, sono orgogliosa di quanto raggiunto. E resto sicura che il mio corpo mi ringrazierà… Adesso non vedo l’ora di nuove sfide e ovviamente resterò nella Commissione FIS».

MISSIONE – «Il mio obiettivo in commissione? – continua Jessica – Intanto dico che è un compito molto intrigante. Il nuovo gruppo è motivato nel tentare di rendere le relazioni ancora più forti. Vogliamo essere il ‘ponte’ di collegamento tra atleti e Federazione, per far in modo che possano capirsi sempre meglio. In più vorrei rafforzare la collaborazione fra vari gruppi di lavoro in modo da utilizzare esperienze e conoscenze utili, da uno sport all’altro. Abbiamo una visione globale grazie alla nostra posizione privilegiata nel consiglio FIS, possiamo sicuramente renderci conto meglio di come le decisioni vengono prese e far sentire la nostra voce nell’interesse degli atleti».

FUTURO OLTRE LO SCI – «A Varna – conclude – si è parlato dell’importantissima questione che riguarda il momento successivo al ritiro post carriera, esattamente quello che sto vivendo io. Quando sei un’atleta, sei talmente ‘dentro’ lo sport da non pensare ad altro, sicuramente non alla tua carriera futura. Una volta smesso, potrebbe essere importante avere un programma che ti guidi e ti aiuti nella fase di transizione tra agonismo e una nuova vita e questo programma si chiama CIO Athlete Career Programme. E’ importante sapere dove puoi trovare informazioni utili, capire quanto hai imparato attraverso la tua carriera per metterlo a frutto in nuove esperienze professionali».

//

“It has been a fantastic journey and I am proud of what I have achieved on and off the race slopes.”FIS Athletes’… Posted by FIS Alpine World Cup Tour on Martedì 14 luglio 2015

Altre news

La Coppa Europa femminile arriva a Sarentino, finora fortino dell’Austria

La Coppa Europa questa settimana farà ritorno in Val Sarentino. Giovedì 29 febbraio e venerdì 1° marzo sulla pista Schöneben si svolgeranno due superG femminili. Dalla prima Coppa Europa in Val Sarentino, risalente alla stagione 2004/05, si sono tenuti...

Coppa Europa: Talacci è nono nel gigante di Pass Thurn vinto da Zwischenbrugger

Pass Thurn, località austriaca, è sede di recupero di due giganti maschili di Coppa Europa, in origine previsti in Slovenia, a Maribor. Nella gara odierna nona posizione per Simon Talacci. Il livignasco ha saputo risalire di una posizione nella...

Mowinckel saluta l’agonismo al termine della stagione

Sono le ultime gare della carriera per Ragnhild Mowinckel, che questa mattina ha annunciato l'ormai prossimo ritiro. Finirà la stagione, poi la trentunenne norvegese saluterà il mondo delle gare. Ha trascorso 14 anni nella squadra norvegese, 12 nel circuito...

Manuel Feller cala il poker: suo anche lo slalom di Palisades Tahoe. Sesto Vinatzer

Ancora Manuel Feller, quarto sigillo in stagione in slalom. Una vittoria, quella dell’austriaco a Palisades Tahoe, tutta in rimonta: terzo a metà gara mette pressione ai primi due con una manche delle sue di questi tempi: all'attacco, ma con...