Lienz, sette azzurre all’attacco della pista ‘vecchio stile’. Oggi il gigante, con esordio di Melesi

Questa mattina a Lienz si corre il quarto gigante della stagione, in condizioni che non saranno così semplici, a meno di un clamoroso miracolo dell’ultima notte. Stando alle immagini viste ieri in slalom, il manto nevoso sembra essere davvero poco compatto. La neve caduta in pista è tanta e ieri pomeriggio tutta la parte iniziale doveva ancora essere pulita. Insomma, la pista sotto è barrata, ma bisognerà capire quanto ‘molle’ c’è ancora sopra.

ESORDIO MELESI – Saranno sette le azzurre al cancelletto di partenza di questo quarto gigante stagionale. Al via Manuela Moelgg, Federica Brignone, Sofia Goggia, Marta Bassino, Irene Curtoni, Luisa Bertani e Roberta Melesi. Quest’ultima atleta, inserita nel gruppo Coppa Europa, sarà all’esordio nel massimo circuito mondiale.

I PRECEDENTI AZZURRI – Il bottino azzurro in gigante sulla pista austriaca parla di un solo successo datato 2007 con Denise Karbon, seguito dal secondo posto di Brignone nel 2011, dal secondo di Moelgg nel 2009, da un altro secondo con Karen Putzer nel 2001 e da un terzo posto con Nicole Gius nel 2007.

BRIGNONE: «BOTTE SMALTITE, BELLA PISTA» – «Ho smaltito le botte rimediate a Courchevel, mi sento abbastanza bene. Dopo questa pausa natalizia saremo pronte per ripresentarci al cancelletto cariche. Sono contenta per avere fatto un dicembre abbastanza pieno e nelle ultime due settimane sono stata bene con il mio problema fisico, era il mio obiettivo per gareggiare il più possibile in gennaio. La pista di Lienz mi è sempre piaciuta, non ho mai fatto peggio del sesto posto, qui la pista è sempre dura e barrata, appartiene alla scuola delle vecchie piste, gira molto, ci sono molte strettoie, cambi di direzione, dossi, è parecchia impegnativa ma bella da sciare e mollare».

GOGGIA: «RITROVATE CERTE SENSAZIONI» – La velocità mi ha regalato nelle ultime gare le prime gioie dell’anno ed è quella dove mi trovo meglio al momento, attualmente è diversa rispetto agli allenamenti che ho fatto nell’ultimo periodo in gigante, durante i quali ho ritrovato certe sensazioni, ma c’è ancora tanto lavoro da fare, come dicono gli allenatori. E’ una pista molto tecnica, varia, completa, per certi aspetti anche da interpretare nel migliore dei modi. Cercherò di stare sull’esterno, fare le cose essenziali che servono per ottenere una buona performance».

LE MANCHE – La prima manche, tracciata dal tecnico azzurro Roberto Lorenzi, è in programma alle 10,30, seconda run alle 13,30. Diretta su RaiSport ed Eurosport

START LIST

Altre news

Ancora neve a San Pellegrino: salta anche il secondo superG

Ancora neve a Passo San Pellegrino. Questa mattina la Val di Fassa si è svegliata con una nuova fitta nevicata in corso e visibilità molto bassa. Condizioni decisamente peggiori rispetto a ieri, quando il cielo era a tratti sereno,...

Svelata To Tag, la mascotte dei Giochi Mondiali Universitari di Torino 2025

To Tag è pronto a conquistare il cuore di tutto il mondo. A Torino è stata presentata la mascotte dei XXXII Giochi Mondiali Universitari invernali di Torino 2025, nata dalla volontà di creare una connessione universale che vada al...

Inarrestabile Odermatt: 1001 punti di vantaggio a 10 gare dalla fine!

Henrik Kristoffersen ci ha provato, ha provato a mettere pressione a Marco Odermatt nella seconda manche del gigante di Palisades Tahoe, ma lo svizzero ha fatto il Marco Odermatt nel finale di gara, rifilando tre decimi nell'ultimo settore, per...

Odermatt appena davanti a Kristoffersen, poi ampi distacchi a Palisades Tahoe

Nuova trasferta oltreoceano per il settore maschile, che poco fa è sceso in pista per la prima manche del gigante di Palisades Tahoe. Negli Stati Uniti, altra strepitosa manche per l'elvetico Marco Odermatt, che chiude in 1'06"48 e di...