Les 2 Alpes gioca d’anticipo: sci estivo dal 2 maggio

Nelle ultime stagioni le esigenze soprattutto delle squadre sono un po’ cambiate. Non per tutte, per qualcuna sì, così come per alcuni top atleti. La tendenza è quella di sciare di più in primavera e dedicare la prima parte dell’estate alla preparazione atletica, inserendo sedute di carico, settimane al mare, raduni in bici o incentrati su altre attività. Les 2 Alpes non ha sottovalutato richieste ed esigenze e decide di giocare d’anticipo. Ancor più che in passato perché la stagione estiva partirà pressoché subito, praticamente non ci sarà stacco tra l’imminente chiusura e la riapertura. Solo qualche giorno per i normali lavori e poi tutti di nuovo in pista. L’inverno, iniziato nel mese di dicembre, è finito domenica 23 aprile e già il 2 maggio i professionisti della neve potranno tornare sulle piste per testare materiali, provare nuove soluzioni o più semplicemente impostare il lavoro per il 2023/2024. Dunque mentre gran parte delle stazioni si preoccupano di smontare reti, sistemare gli impianti, riporre nei garage seggiovie e funivie, la stazione che sorge nella valle dell’Oisans ricomincia con slancio. Una grande occasione impossibile da farsi sfuggire, anche perché è risaputo che le condizioni che si possono trovare in primavera sono uniche: freddo
e neve estremamente compatta all’alba, manto più morbido e scivoloso a seguire, possibilità di sciare su diverse tipologie di neve e costruire l’adattamento, sempre più richiesto. 

©Luka Leroy

Dunque avanti quasi senza sosta con la stagione, per la gioia degli atleti che sposano questa linea, prima di riporre l’attrezzatura e volare in qualche località esotica per le meritate vacanze. Les 2 Alpes garantisce ampia continuità all’attività, mettendo a disposizione il suo ghiacciaio che in questo momento si presenta in condizioni invernali ed eccezionali dopo le ultime nevicate di fine inverno. Se il sole mattutina scalda i cuori degli appassionati, le temperature notturne del periodo sono ancora decisamente basse e la notevole escursione termica è una garanzia. Anche perché squadre nazionali, comitati regionali e club possono sciare tra i 3.600 metri dell’area Dôme de la Lauze (raggiungibile con la funicolare Dôme Express) ai 3.200 della parte più bassa del ghiaccio, dove confluiscono i corridoi di allenamento di Muretouse e Dôme Nord, punto di incontro per moltissimi italiani. Tante possibilità per allenarsi, è sufficiente parlare con gli allenatori habitué per farsi raccontare quante opportunità ci siano sul ghiacciaio transalpino, da dove è facile individuare l’imponente Monte Bianco. Piste facili o ripide, lunghe o corte, oppure pendii per il campo libero o ancora per saltare in park: ce n’è per tutti i gusti ed esigenze, 30 chilometri di piste che vi lasceranno d’incanto non appena uscirete dalla funivia dello Jandri Express, che in poco più di 40 minuti vi porterà dal centro della località al ghiacciaio sciabile più esteso d’Europa. 

©Luka Leroy

Les 2 Alpes si conferma dunque una meta all season e non solo per lo sci perché le attività sportive, le attrazioni e le opportunità non conoscono fine in questo paradiso immerso nel verde della natura. Lo sanno bene gli amanti della mountain bike che possono scegliere uno dei tanti track che scorrono dove d’inverno si scia. Anche d’estate impianti di risalita aperti da un versante all’altro, con la possibilità di tuffarsi in discese adrenaliniche in sella alla bici da downhill oppure pedalare sui sentieri dedicati al cross country. È un vero polo internazionale, 90 chilometri di tracciati conosciuti e frequentati anche da moltissimi stranieri, proprio come le piste dello sci estivo. Senza dimenticare che Les 2 Alpes è a una manciata di chilometri da Alpe d’Huez, Col du Galibier, Col du Lautaret, paradiso per il ciclismo su strada e luoghi simbolo del Tour de France. 

©Pyrouu

Si può andare di corsa con le scarpe da trail su e giù per i sentieri, alla scoperta anche di Venosc, si può scegliere tra una discesa sui bob (i giovani e anche i meno giovani vanno matti per le sfide pomeridiane) oppure un pomeriggio di relax a bordo della piscina scoperta. Si può giocare a tennis, beach volley, calcetto oppure sfidare un altro club al paintball. Les 2 Alpes è sci e molto altro ed è per questo che le richieste aumentano anno dopo anno, anche da parte dei club italiani non solo delle vicine Piemonte e Valle d’Aosta, ma di tutta la Penisola. D’estate la lingua più parlata sul ghiacciaio e nelle diverse strutture ricettive è proprio l’italiano ed è facile incontrare sci club che partono dall’Abruzzo, dal Lazio e dalla Campania con pulmini pieni di sci, scarponi e bagagli. E che fanno base a Les 2 Alpes per lunghi periodi, sfruttando pure chalet, appartamenti e altre soluzioni che permettono una lunga permanenza, un cambio snello dei gruppi di lavoro, giornate di riposo per chi scegliere di vivere l’intera stagione in Francia. Sono tanti, pronti a prepararsi così come a divertirsi, perché Les 2 Alpes è proprio questo e sa offrire il giusto equilibrio tra idonee soluzioni per sciare, allenarsi atleticamente e svolgere raduni di preparazione e una serie di attività che cancellano sforzi, sacrifici e fatica e fanno tornare tutti a casa con il sorriso. A maggior ragione i piccoli sciatori, spesso chiamati ad anticipare di molto la tradizionale sveglia per salire e sciare in condizioni ottimali. D’altronde non si può nascondere il grande caldo di quest’ultimo periodo che sta avvolgendo il mondo. Ed è anche per questo motivo che l’estate nell’Oisans partirà con grande anticipo. 

Altre news

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...