Le Traiettorie Liquide di Federica Brignone al Lagazuoi EXPO Dolomiti

Dal livello del mare a quota 2.732 metri, attraversando mari, laghi, fiumi e ghiacciai: le Traiettorie Liquide di Federica Brignone, partite dalle acque di Lipari nel 2017, sono arrivate tra le vette del Lagazuoi EXPO Dolomiti, il polo espositivo e museale high tech situato nella stazione di arrivo della funivia Lagazuoi, tra Cortina d’Ampezzo e l’Alta Badia.
L’esposizione è stata inaugurata alla presenza della campionessa valdostana: ha accompagnato i visitatori nelle tre sale per raccontare le tappe del suo viaggio; dal 2017 è stata tra le prime a dedicarsi a temi come la salute dell’acqua in ogni sua forma e la salvaguardia dell’ambiente.

Ha messo la sua popolarità al servizio di un progetto di sensibilizzazione ideato da Giulia e Daniela Mancini, che gestiscono la sua immagine, con il prezioso contributo del fotografo Giuseppe La Spada. Come posso rendermi utile e portare un sassolino nel mucchio che formerà la montagna, ovvero la soluzione? si è chiesta Federica quando le è stato presentato il progetto. Posso raccontarlo. I photoshooting si sono affiancati ad azioni di educazione ambientale rivolte anche ai bambini tramite una mascotte, la delfina Blue, che la sciatrice porta con sé in gara in tutto il mondo nel casco e nei guanti.
Ogni anno la campionessa sceglie una nuova sfida e punta i riflettori su uno o l’altro aspetto legato alla salvaguardia dell’ambiente e in particolar modo dell’acqua, fonte di vita sul pianeta. Come le traiettorie che Federica Brignone disegna sulla neve scendendo tra i pali di una pista da slalom o da discesa libera, così queste Traiettorie liquide permettono di tracciare un percorso virtuoso. L’ultima di queste esperienze è quella presentata al pubblico in anteprima assoluta a tema decarbonizzazione proprio a Lagazuoi EXPO Dolomiti.

© Giuseppe La Spada
­

La prima tappa si è svolta nel 2017, in Sicilia, nelle Lipari, set di uno shooting fotografico inedito: aiutata da un team di sommozzatori Federica si è immersa in acqua in abbigliamento da sci, completo di casco, scarponi, sci e bastoncini, per attirare l’attenzione sui pericoli che corre il mare per colpa dell’uomo.
Nella seconda traiettoria, realizzata nel 2018, la sciatrice è tornata in acqua in piscina per un nuovo shooting, ma questa volta, in immersione, era circondata da imballaggi di plastica, proprio come accade alla fauna marina soffocata dai rifiuti.
Con la terza traiettoria, nel 2019, Brignone si è tuffata nelle acque del lago di Garda per dare vita a una staffetta di pulizia insieme ai bambini.
Nel 2020 per la quarta fase lo scenario è nuovamente cambiato: questa volta il set era il ghiacciaio dei Forni, sullo Stelvio, il secondo più grande italiano, che nell’arco di un secolo ha perso metà della sua superficie. Federica Brignone è stata ritratta con un abito bianco prodotto da materiale di scarto, un mantello tricolore e la Coppa del Mondo in mano, come una figura allegorica.
Realizzata a giugno 2022, la quinta traiettoria è decisamente suggestiva e molto impattante. Federica impersonifica il Pianeta Terra in condizioni pessime. Fede, ossia la Terra, sembra avere un’autonomia limitata tanto che la vediamo in una bolla che le cinge la testa e la isola, ancora per poco, da un’atmosfera disastrata. La sciatrice si trova, dunque, a dover affrontare una vera e propria lotta per la sopravvivenza: la sola via per raggiungere la salvezza è proprio la decarbonizzazione, conseguibile attraverso un passaggio dalle fonti energetiche fossili a quelle rinnovabili e solamente attraverso un percorso condiviso con l’intero ecosistema.

© Giuseppe La Spada

Nella Quinta Traiettoria Federica Brignone propone di  seguire  in modo quanto più concreto possibile la via della decarbonizzazione, ossia adottare negli ambienti di vita quotidiani, a partire dalle nostre azioni e dalle nostre case, comportamenti e stili di vita che favoriscano riduzione e abbattimento delle emissioni di CO2, favorendo sistemi energetici sostenibili.  Io non percepisco la differenza tra 20 e 21 gradi. Abbassiamo il termostato di casa di un grado: risparmieremo, ridurremo l’inquinamento in città e produrremo meno CO2  e  Non esageriamo con l’aria condizionata continua Federica  Non dormiamo sotto la doccia….Stiamo sotto la doccia 3 minuti e comunque non più di 5 ed evitiamo di farla troppo calda: consumeremo e dovremo scaldare meno acqua, anche un terzo rispetto a un bagno, e produrremo meno CO2!
Infine non è da trascurare il riciclo, altro elemento fondamentale della quinta traiettoria:  Ricicliamo e riutilizziamo, decarbonizziamo la Terra! e  Il riciclo ci permette di risparmiare energia per la produzione e ridurre l’utilizzo di materie prime per la cui estrazione si consuma molta CO2. Inoltre, la gestione dei rifiuti è tra le principali cause di emissioni climalteranti.

Altre news

Settembre, mese di elezioni nei Comitati regionali. Nuova assemblea in FVG?

Un mese intenso per le elezioni del rinnovo dei consigli regionali della Fisi. Il 3 settembre si apre a Milano (all’Auditorium Testori del Palazzo Regione Lombardia) e a Roma (nel Palazzo delle Federazioni Sportive) con le assemblee elettive di...

Uk Sport taglia i fondi, gli inglesi della neve tremano e Ryding lancia un crowdfunding

Quale futuro per gli sport invernali britannici? Non roseo, come ha comunicato la stessa GB Snowboard (Federazione) ai suoi atleti. Sci alpino, fondo e nordico paralimpico non sarebbero più ritenuti idonei, dalla UK Sport, per ricevere i finanziamenti del...

Nello skiroom azzurro di Landgraaf

Ore e ore dietro agli sci. Lo fanno sempre, a maggior ragione quando sono in raduno negli skidome, dove il filo si mangia in fretta. Lavoro frenetico per gli skiman, che a volte non hanno avuto neppure il tempo...

Il ritorno di Peterlini: «Tanto, ma tanto lavoro dopo due operazioni»

«Sono tornata». Martina Peterlini ha rimesso gli sci ai piedi nei giorni scorsi. Lo ha fatto dopo un lungo stop, durato quasi otto mesi da quel 16 dicembre dello scorso anno, quando nello slalom di Coppa Europa di Valle...