Le supercombi, la FISI e il 'caso della news di Race'

Ravetto: 'Speriamo che queste gare siano state utili…'

Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato in anteprima la notizia che la FISI aveva organizzato, tramite il validissimo sci club Aosta, due supercombinate maschili a Pila, quelle poi disputate questa mattina e vinte da Peter Fill. Una scelta fatta per cercare di aumentare il contingente per Sochi. Infatti i posti attualmente assegnati all’Italia sono davvero pochi, dodici, così l’intento della Federazione Italiana Sport Invernali è stato quello di correre ai ripari e mettere in piedi in fretta e furia le due supercombinate. Nel computo totale per stilare i posti di ogni nazione per Sochi, si guarda infatti che gli atleti abbiano punti più punti possibili in più discipline (e almeno cinque piazzamenti in gigante e slalom, tre in dicesa e superG).

Come alcuni di voi avranno notato, la notizia è rimasta on line solo due ore ed è stata poi eliminata. Perché? La FISI, per bocca dei più alti quadri tecnici, infatti ci ha chiesto di non pubblicizzare l’evento per evitare che gli stranieri arrivassero numerosi a Pila, rovinando in questo modo il ‘piano’ degli azzurri. La posta in gioco era troppo alta, affermavano i vertici tecnici della FISI, così abbiamo deciso di eliminarla. Noi, intendiamoci, lo abbiamo fatto solo ed esclusivamente per il bene degli azzurri, per la loro presenza a Sochi. Niente di più. E ora in queste righe stiamo a spiegare il motivo perché ci sembra assolutamente doveroso. 

Oggi il direttore tecnico Claudio Ravetto è tornato sull’argomento: «Come anche altre nazioni, anche noi abbiamo organizzato queste gare con lo specifico obiettivo di fare punti in supercombi e aumentare così i posti per le Olimpiadi che prevedono un conteggio globale degli atleti su tutte le discipline. Siamo riusciti in questo intento? Speriamo, il meccanismo è talmente macchinoso che non abbiamo certezze. Tuttavia volevamo tenere segreta questa manifestazione, ecco il motivo per cui abbiamo chiesto di fare la cortesia e di venirci incontro, cancellandola. Di questo sono grato alla redazione». 

Altre news

Coppa Europa, Asja Zenere vince il superG in Val Sarentino

Stoccata vincente di Asja Zenere nel superG di Coppa Europa in Val Sarentino: prestazione in rimonta dell’azzurra che con il best crono negli ultimi due settori sale sul gradino più alto del podio, precedendo di 35 centesimi l’austriaca Magdalena...

Coppa Europa: a Wahlqvist il secondo gigante; 11° Talacci e 12° Franzoni

Undicesimo posto per Simon Talacci e dodicesimo per Giovanni Franzoni nel secondo gigante di Coppa Europa di Pass Thurn. La vittoria è andata al norvegese Jesper Wahlqvist che ha concluso in 1’51″72 e preceduto di 5/100 il tedesco Jonas...

La Coppa Europa femminile arriva a Sarentino, finora fortino dell’Austria

La Coppa Europa questa settimana farà ritorno in Val Sarentino. Giovedì 29 febbraio e venerdì 1° marzo sulla pista Schöneben si svolgeranno due superG femminili. Dalla prima Coppa Europa in Val Sarentino, risalente alla stagione 2004/05, si sono tenuti...

Coppa Europa: Talacci è nono nel gigante di Pass Thurn vinto da Zwischenbrugger

Pass Thurn, località austriaca, è sede di recupero di due giganti maschili di Coppa Europa, in origine previsti in Slovenia, a Maribor. Nella gara odierna nona posizione per Simon Talacci. Il livignasco ha saputo risalire di una posizione nella...