L'analisi di Ravetto sull'incolore prova degli azzurri

La parola al direttore tecnico maschile

Siamo rientrati dall’Oetztal nella notte, in seguito alla prima tappa della Coppa del Mondo 2011-2012. Soelden rimane un grande appuntamento, il primo atto, un po’ come il primo giorno di scuola. Tanta l’attesa e anche le aspettative per questo primo confronto dopo un’estate e il primo mese di autunno dedicati agli allenamenti. Il dt degli uomini Claudio Ravetto traccia un primo bilancio: «Il risultato non è positivo. Mi aspettavo di più, forse anche per quello che ho visto a Tignes. Sul ripido ci siamo difesi bene, meglio degli anni passati. Per questo sono fiducioso per i giganti puù tecnici, come Val d’isere o Alta Badia dove possiamo essere protagonisti. Tuttavia sul piano non riusciamo a fare velocità, facciamo davvero fatica, perdiamo un’enormità. Lo so, è il nostro problema, ma la questione non è nuova. Su certi pendii non siamo competitivi, difficile esserlo con questo materiale umano. Su altre pendenza invece possiamo ancora dire la nostra, in forza anche di quello che ho visto sul muro. Da Davide Simoncelli non mi aspettavo molto, invece nella prima ha fatto veder cose buone, Massimiliano Blardone e Manfred Moelgg, ma anche gli altri hanno fatto troppa fatica. Peccato per Giovanni Borsotti. Christof Innerhofer? In discesa ha imparato a non farsi più sorprendere dai cambi di pendenza, in gigante però non ancora».

Altre news

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar da ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Telenovela finita. Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha...

La Svizzera ha scelto le condizioni di La Thuile per gli ultimi allenamenti

La Thuile si rivela anche sul finale di stagione una meta privilegiata per i top dello sci mondiale. In quest’ultima settimana di apertura, appena chiuso il Criterium Cuccioli con 600 giovani atleti da tutta Italia, ecco che il comprensorio...