La Svezia cambia rotta

Più attenzione alle discipline veloci e un team dedicato ai polivalenti

Una nuova frontiera per la nazionale svedese maschile: la stagione 2008/2009 porterà infatti un importante cambiamento per gli atleti scandinavi che nelle ultime stagioni sono stati grandi protagonisti – seppur tra alti e bassi – tra le porte strette dello slalom. L’altoatesino Luis Prenn, al quarto anno da responsabile del settore maschile, ci ha esposto le linee del nuovo programma: “Abbiamo deciso la scorsa primavera di iniziare un lavoro votato alla velocità. Fino all’anno scorso ci siamo dedicati sopratutto allo slalom, ma adesso vogliamo dedicarci con più continuità e impegno alle altre discipline. Lo abbiamo deciso d’accordo con i ragazzi, che vogliono essere competitivi in almeno altre due discipline. Per questo abbiamo costituito per la prima volta in Svezia un gruppo di gigantisti veloci e polivalenti. Ci siamo allenati in Cile, oltre che come da tradizione in Nuova Zelanda”. La scelta della velocità è anche come strumento propedeutico al gigante e alla supercombinata: “Guardate Byggmark, Larsson, Myhrer. Fanno cose eccezionali in slalom. Una sciata sempre al limite. Da due anni hanno fatto una nuova scuola fra i pali stretti. In gigante le velocità sono più alte e hanno fatto sempre un po’ fatica. Inoltre l’anno scorso ci si sono messi anche i cambi delle misure sui materiali, in prima battuta l’abbassamento di sette millimetri, a complicare la nostra sciata. Quest’estate ho lavorato sull’equilibrio, sulla centralità. Ed inoltre stiamo imparando anche far sempre velocità anche in gigante, a tagliare anche fra le porte larghe insomma. In gigante possiamo essere competitivi”.

Sul Rettenbach in pista Jens Byggmark, Markus Larsson, Andre Myhrer, Niklas Rainer, Matts e Hans Olsson. “La strategia in gigante non cambia. I ragazzi hanno una predisposizione mentale all’attacco, che trasferiranno anche in gigante”. Vedremo come si comporteranno nel primo gigante di stagione. Sullo slalom Prenn scommette ancora in una grande stagione: “Byggmark e Larsson sono in forma. Sul ripido e sul lucido fanno paura”.

Altre news

Raffaelli: «Voglio portare le istanze della base in via Piranesi»

Massimo Raffelli, 56 anni aostano e laureato in economia aziendale, da 14 anni è presidente dello Sci Club Aosta. Il 15 ottobre ha deciso di candidarsi nel ruolo di consigliere federale. Eccolo: «Vengo dalla base e con lo sci...

Atomic e Falconeri Ski Team proseguono insieme: siglato accordo fino al 2025

Atomic prosegue nella sua politica di stretta partnership con alcune delle più importanti realtà italiane che si contraddistinguono per l’impegno nel diffondere la pratica dello sci agonistico. Alla luce di questo, l’azienda ha rinnovato l’accordo di collaborazione per tre...

L’impegno di Sima continua

Enzo Sima è pronto per restare in consiglio federale. Il friulano ha scelto di sostenere Alessandro Falez come presidente e subito spiega le sue ragioni: «Innanzitutto il mio impegno per la Fisi continua, ho a cuore questo mondo. Abbiano...

Da Soelden a Soldeu, tante occasioni per staccare un biglietto e assistere alla Coppa

La prima neve è arrivata, i ghiacciai stanno riaprendo, le squadre stanno ultimando le lunghe trasferte oltreoceano e si apprestano ormai - chi prima e chi dopo - a rientrare e a fare ritorno sulle nevi europee. Ormai si...