La grande giornata di Guido Malzanni

Titoli anche per Nicole Delago, Lara Della Mea e Francesco Gentilli

Ancora sole e caldo su Bardonecchia per la quarta giornata dei Campionati Italiani Allievi e Ragazzi. Al Colomion, sulla parte più ripida della Fisi 50, si è disputato lo slalom Allievi. Grande lavoro di ‘salatura’ per gli uomini dello sci club Bardonecchia, ma alla fine si è riusciti a portare a termine la gara. Vittoria gardenese in campo femminile, con Nicole Delago che nella seconda manche è riuscita a recuperare diverse posizioni, ‘bruciando’ di sette centesimi Sabine Krautgasser dell’Alta Pusteria. Terzo posto per Elena Graffi Brunoro del Sella Nevea, al quarto posto Lisa Sgnaolin del Monte Lussari, la migliore del 1997. A seguire Viola Zuccarini del Tutto Bianco, l’altra ‘lussarina’ Arianna Stocco, quindi Elisa Fornari del Mondolè ed Elena Ricaldone dell’Ala di Stura. In campo maschile ha vinto nettamente il lecchese Guido Malzanni. Al settimo cielo il suo allenatore Vincenzo Tondale. «Non avevo mai vinto un titolo in slalom, il top del top!» scherzava nel dopo gara. Ottima prestazione quella di Malzanni, che è riuscito a precedere di sette decimi, grazie ad una grande prima manche, il veneto Marco Enrico Cirillo del Ponte nelle Alpi e il monregalese Mattia Rulfi, ex-aequo. La medaglia d’argento però va solamente a Cirillo, dato che Rulfi fa parte di un gruppetto di atleti ‘extra-contingente’ iscritti dal Comitato organizzatore, l’Aoc, ma non in corsa per le medaglie. Al figlio dell’allenatore azzurro resta la soddisfazione per una grande gara, con il pettorale 115, conclusa al secondo posto. Bronzo dunque a Daniel Niedermaier del Castelrotto, davanti a Matteo Vaghi dello Chamolè e Federico Vanzo dell’Agonistica Marmolada. In riunione di giuria, questa sera, si decideranno le ‘sorti’ della supercombinata: il dubbio è se diputare il programma completo con le due gare, oppure tener buono il superG ufficiale e fare un’ulteriore manche di slalom. Nel pomeriggio, intanto, le premiazioni in piazza a Bardonecchia, con testimonial d’eccezione il velocista azzurro Werner Heel.

Intanto allo Jafferau, sulla pista ‘Ferruccio Bosticco’ si è disputato anche il superG Ragazzi. La vittoria è andata in campo femminile a Lara Della Mea del Monte Lussari, già dimostratasi la migliore di tutte in gigante in virtù di una sciata sempre pulita che le permette anche di ovviare a un fisico non così potente. Dietro di lei, a 42 centesimi, Giulia Demetz (Gardena) e Carlotta Saracco dell’Equipe Limone.
In campo maschile, la notizia è il secondo posto di Hugo Steinhauser: dopo la doppietta in gigante e slalom, l’altoatesino si è arreso a Francesco Gentilli di Sella Nevea, splendido nell’infliggergli quasi un secondo di distacco e nel “vendicarsi” dopo due secondi posti. Sul terzo gradino del podio, Nicolò Molteni, a completare la giornata di festa per i colori del Lecco.

A questo punto della manifestazione la situazione del medagliere per Comitati è la seguente:
Alto Adige: 3 ori, 4 argento, 4 bronzi
Friuli Venezia Giulia: 3 ori, 3 argenti, 1 bronzo
Alpi Centrali: 3 ori, 2 bronzi
Alpi Occidentali: 2 ori, 2 argenti, 4 bronzi
Valle d’Aosta: 1 oro, 1 argento
Trentino: 1 argento
Veneto: 1 argento, 1 bronzo

Altre news

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...