Kristoffersen: il primo podio a Soelden, il nastro sugli sci, il mix di materiali

SOELDEN – Quattordicesimo lo scorso anno, terzo ieri. Henrik Kristoffersen per la prima volta in carriera è salito sul podio del gigante di Soelden. Il centro è arrivato all’ottava partecipazione sul Rettenbach, ma ieri i fari sono stati puntati solo su quelli sci tinta unita, verde scuro, con un brand che si vede e non si vede. Un po’ per una scelta minimal, un po’ perché oscurato. Ieri il norvegese – e non solo – ha fatto il loro esordio con i Van Deer, diventati presto Van Deer Red Bull, ma solo fuori dal campo gara perché in pista per il momento restano Van Deer.

Uno sci che abbiamo scovato al traguardo, senza nastro

Quello è il nome dello sci e quello può essere visibile. Così ecco il tanto chiacchierato nastro nero sulla serigrafia, a coprire il toro, anche quello in versione vedo-non vedo, non così appariscente, ma che comunque non è invisibile agli occhi della Fis che, da regolamento, consente appunto solo il nome del produttore. E così, mentre è in corso un confronto per trovare presto una soluzione, Kristoffersen è sceso con gli sci “scotchati”, con Ferdi Hirscher a bordo pista e il campionissimo Marcel a casa sul divano.

Dai corridoi della zona mista, non troppo entusiasmo da parte delle aziende, s è sentito. Vedendoli da vicino, è facile capire che l’asta potrebbe essere di un brand piuttosto che di un altro, così come gli attacchi e le piastre. Oppure forse no. Nei corridoi si susseguono parecchie voci. Chissà, d’altronde anche quando Marcel Hirscher correva, queste voci erano insistenti. Non poi così misteriose… E se invece facesse parte anche questo di azione di marketing? Alla fine tutto il mondo ne parla (noi compresi)…

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...