Jansrud doma la Jeongseon downhill. Paris è grande secondo, Fill quarto

Le prove non avevano mentito, tutt’altro: Janrsurd, Paris e Fill erano stati protagonisti nei due training per poi confermarsi oggi in gara. Alle 12 locali, le 4 del mattino in Italia, la Jeongseon downhill si è presentata al mondo due anni prima di ospitare le prove veloci nello sci alpino ai Giochi Olimpici 2018. Pista indubbiamente semplice, dove si resta molto in posizione, con quattro salti, ma anche poca velocità. Neve dura, oggi, con ottima tenuta non ghiacciata. Ci sarà tempo ovviamente per lavorarci su, ma l’impianto base del tracciato resterà ovviamente questo. E se così sarà i due azzurri potranno lottare per le medaglie nel 2018, anche se il tracciato sembra davvero perfetto per i norvegesi Jansrud e Svindal, sempre che quest’ultimo abbia voglia di essere ancora in pista fra due anni.

GARA – Kjetil si impone nella classifica finale con il tempo di 1’41”38, sfruttando soprattutto la parte centrale, dove ha guadagnato il più possibile sulla concorrenza; nel tratto conclusivo invece, dalla fondamentale curva verso destra finale, i migliori sono stati Paris e Fill anche se non è bastato per vincere; secondo appunto Dominik Paris a soli 20 centesimi, terzo un altro atleta sempre molto scorrevole, l’americano Steven Nyman, a 0”41, giusto davanti a Peter Fill, quarto, a 0”47. Distacchi cortissimi. Quinto Feuz, sesto Striedinger, settimo Janka, ottavo Theaux, nono Baumann, decimo Fayed. Solo 12esimo Reichelt, 22esimo Ganong.

ITALIA – Lontani gli altri azzurri: 21esimo Christof Innerhofer, 23esimo Matteo Marsaglia, 25esimo, bravissimo, Emanuele Buzzi, il 21enne della forestale in forza al gruppo Coppa Europa con pettorale 50 ai primi punti in Coppa del Mondo, 31esimo Mattia Casse, 35esimo Werner Heel.

CALENDARI E CLASSIFICHE – Domani superG, stessa pista stessa ora, cioè 12 locali, le 4 del mattino in Italia. In classifica generale ci sono tre norvegesi dietro Marcel Hirscher, con Jansrud quarto. Fill è quinto. Nella graduatoria di specialità invece l’altoatesino di Castelrotto è secondo a 71 punti da Svindal, la cui stagione purtroppo è finita a Kitzbuehel.

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...